icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Matera - Reggina 2-0

Matera (4-3-1-2): Tozzo; Mattera, Scognamillo, Gigli, Di Lorenzo; De Rose, Casoli, Armeno (69' Meola); Strambelli, Negro (81' Sartore), Lanini (75' Bertoncini). A disposizione: D'Egidio, Biscarini, De Franco, Dammacco. All. Auteri.

Reggina (4-4-2): Sala; De Vito (78' Possenti), Kosnic, Gianola, Maesano; Bangu, Botta (40' Leonetti), Knudsen, Porcino; Coralli, Bianchimano. A disposizione: Licastro, Carpentieri, Tripicchio, Cucinotti, Cane, Romanò, Tommasone. All. Zeman

Arbitro: Mei di Pesaro. Assistenti: Gnarra di Siena e Cassarà di Cuneo.

Marcatori: 9' Di Lorenzo, 28' rig. Negro

Note: spettatori 3000 circa, di cui 60 ospiti. Angoli 9-2 per i Matera.

Fotografie di Sandro Veglia, cronaca di Nicola Radogna

Clicca qui per guardare la fotogallery completa di Matera-Reggina

Il Matera rompe l’incantesimo in campionato e torna al successo contro la Reggina dopo cinque sconfitte consecutive. 2-0 il risultato finale in una gara dominata dall’inizio alla fine, con i biancoazzurri assoluti padroni del campo e vincitori grazie alle reti di Di Lorenzo e Negro (su rigore), entrambe nel primo tempo. Complice anche la sconfitta della Juve Stabia, in casa contro la Paganese, i lucani consolidano il terzo posto in classifica a quota 52 punti.

Mister Auteri, a causa dello stato di emergenza dovuto alla lunga lista di indisponibili, è costretto a ridisegnare lo scacchiere tattico per affrontare una Reggina galvanizzata dal roboante successo interno ottenuto al Granillo contro la Casertana. Matera reduce dalla conquista della finale di Coppa Italia di Lega Pro ai danni dell’Ancona, passaggio ottenuto grazie al pareggio per 2-2 in terra marchigiana. In campo i giocatori si schierano con un 4-3-1-2. Davanti a Tozzo tra i pali il tecnico di Florìdia opta per una difesa folta con Mattera e Gigli centrali, Di Lorenzo a destra e Scognamillo a sinistra. In cabina di regia De Rose, capitano, affiancato da Casoli a destra ed Armeno a sinistra. Trequartista offensivo Strambelli, dietro le due punte Negro e Lanini. Risponde la formazione calabrese con un 4-4-2 con numerosi elementi di spicco, soprattutto in avanti con Bangu, Porcino e Coralli. Fin dalle prime battute i padroni di casa dimostrano un atteggiamento più convinto e cattivo, a differenza delle precedenti uscite. De Rose prende in mano il centrocampo ed ostacola in maniera efficace ogni tentativo ospite di affacciarsi dalle parti di Tozzo. Il primo squillo della partita porta la firma di un attivissimo Strambelli, al 5′ il tiro dalla distanza del fantasista barese termina tra le braccia di Sala. Un paio di minuti più tardi ci prova Lanini, molto mobile sulla corsia sinistra, l’attaccante scuola Juventus si accentra e, dal limite dell’area, conclude a rete, sfera facile preda del portiere ospite. Al 9′ si sblocca l’incontro: da un calcio piazzato la sfera giunge in area di rigore amaranto, Di Lorenzo è più lesto di tutti ed insacca con una strana traiettoria a pallonetto. La rete del vantaggio materano indirizza il match verso un copione ben preciso: il Matera gestisce il gioco, la Reggina è costretta a sbilanciarsi alla ricerca del pareggio. Biancoazzurri che, tuttavia, non concedono nulla agli avversari ed attuano un ottimo possesso palla a centrocampo. Sembra di rivedere la squadra che ha incantato i tifosi materani, e non solo, fino al mese di dicembre. Al 22′ Strambelli serve Casoli in area di rigore, il centrocampista si allarga troppo e calcia a lato. Al 28′ il raddoppio biancoazzurro scaturisce da un ottimo filtrante di Strambelli per Negro, l’attaccante viene atterrato in piena area di rigore, il direttore di gara si consulta con il guardialinee ed assegna il penalty. Dal dischetto si presenta lo stesso Negro che calcia angolato, Sala intuisce ma non ci arriva. La squadra di Auteri pratica un grande calcio, ancora Casoli ci prova con una percussione al 32′, il suo tiro termina ancora a lato. Il primo tempo termina senza ulteriori sussulti.

Nella ripresa la Reggina crea subito l’unica azione pericolosa del match, la retroguardia materana si fa trovare impreparata sull’incursione di Porcino che, superato Gigli, cerca di servire in piena area Coralli, il recupero di Di Lorenzo è provvidenziale e l’azione amaranto sfuma. Il Matera da l’impressione di controllare la partita senza particolari grattacapi, merito di una fase difensiva attenta, che non lascia spazio agli ospiti. Al 51′ è Lanini a sfiorare la terza rete, il suo tiro al volo su cross di Strambelli trova la pronta risposta di Sala. Il fantasista barese cerca la via del goal da diverse posizioni e con numerosi tiri dalla distanza, tutti parati dal portiere avversario. Al 23′ mister Auteri opta per il primo cambio, fuori un positivo Armeno e dentro Meola. Proprio il nuovo entrato si rende protagonista al 26′ con un bel cross dalla destra, Lanini, appostato a centro area, non riesce ad inquadrare la porta di testa. Al 28′ Auteri richiama proprio l’attaccante scuola Juventus per l’ingresso del difensore Bertoncini. A dieci minuti dal termine ritorna in campo Sartore, fermo ai box da diversi mesi causa infortunio, al posto di un applauditissimo Negro. Al 41′ De Rose, autore di una prova maiuscola, ci prova con un destro dai trenta metri che si stampa sulla traversa, brividi per Sala. In chiusura di partita ancora l’estremo difensore ospite risponde presente prima su Strambelli, conclusione dalla distanza, poi su una percussione centrale di Di Lorenzo. Il triplice fischio dell’arbitro pone fine al match. Matera che ritrova il successo che mancava dal 28 gennaio, Matera – Vibonese 1-0. Da quel momento la squadra è incappata in una serie disastrosa di sconfitte, intervallate solo dalle partite di coppa contro Taranto ed Ancona. Inoltre, risale allo stesso giorno l’ultima gara con la porta materana inviolata. Nei successivi cinque turni Tozzo ha subito ben quindici reti, un dato che impressiona considerato che, fino alla trasferta di Catania, i biancoazzurri erano primi con il miglior attacco del girone ed una delle migliori difese. Inutile soffermarsi ancora sul passato, bisognerebbe concentrarsi più sul presente, facendo tesoro (e possibilmente confermare nelle prossime partite) delle buone indicazioni emerse contro la Reggina. Obiettivo: cercare di dare continuità ai risultati ed alle prestazioni, a partire dalla prossima trasferta in programma domenica 19 contro l’Akragas. AVANTI MATERA!!! GO MATERA GO!!!

VSD 9790

VSD 9793

VSD 9800

DSC 8455

DSC 8434

DSC 8500

DSC 8501

DSC 8505

DSC 8509

VSD 9836

VSD 9807

VSD 9808

VSD 9809