Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

marsicoQualcuno dice che nel calcio moderno non esistono più le "bandiere" e che i giocatori-simbolo di un club e di una intera tifoseria sono solo retaggi del passato, un'epoca di cui oggi resta al massimo qualche rara eccezione. Alberto Marsico è una di queste.

Una serie di circostanze sfortunate gli ha negato la soddisfazione di giocare in campionati professionistici con la maglia del Matera ma sei anni di battaglie in Serie D non si dimenticano, soprattutto se conditi da centotrentaquattro presenze, ventinove reti e tante giocate che hanno riportato nelle menti dei tifosi biancazzurri trequartisti d'altri tempi. Numeri importanti, specie se si considera il peso portato sulle spalle di giocare nella propria città e per la squadra del cuore.

Marsico fece il suo esordio nel Matera a soli diciassette anni ma il ragazzo già conosceva bene lo stadio, soprattutto il settore della gradinata, essendo un accanito tifoso della squadra della sua città (un deja-vu simile a quello di Franco Mancini). Lo gettò nella mischia nel 2001-02, a diciassette anni, l'allenatore Chiappini che vide in lui delle potenzialità che sarebbero esplose negli anni seguenti. Il passaggio dal campetto di San Giacomo all'erba del "XXI Settembre-Franco Salerno" fu quindi molto rapido e già nel 2002-03 si ritrovò a trascinare una squadra di giocatori molto più esperti sino alle gare di play-off. Nell'ultima partita degli spareggi promozione contro il Manduria, Alberto si inventò una pennellata che decise l'incontro assieme alle reti di Marco Neroni e Andres Garrone; una vittoria di Pirro, vanificata da un fumogeno piovuto su un avversario e dalla sconfitta nella gara precedente a Rutigliano.

La stagione seguente non fu più fortunata: a vent'anni Alberto era già un leader e contribuì a evitare la retrocessione diretta ma nulla potè quando nella gara di andata dei play-out rimediò un cartellino giallo che ne determinò la squalifica nel match decisivo. Al "Pastena" di Battipaglia era nel settore ospiti tra gli Ultras e accanto al Presidente Ripoli; la retrocessione nei minuti di recupero fu una beffa atroce, la situazione tecnica e societaria del Matera precipitò e Marsico fu costretto a lasciare a malincuore la sua squadra.

Dopo due stagioni professionistiche in C2 a Lamezia, la prima molto positiva e la seconda condita purtroppo da numerosi infortuni, tornò in biancazzurro nel 2006 guidando il Matera a tre importanti salvezze senza patemi. Nel 2009-10 la sua mancata conferma provocherà forti malumori tra i tifosi.

Sicuramente è un giocatore che ha raccolto meno di quanto avrebbe potuto. La convocazione nella nazionale Under 20 di Serie C e le otto presenze con la medesima rappresentativa ne sono la testimonianza. I guai muscolari però, sono stati una zavorra notevole, così come l'aver giocato nel Matera in periodi conditi da difficoltà societarie e discutibili scelte tecniche.

Clicca qui per visualizzare le statistiche di Alberto Marsico con la maglia del Matera