Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

 

franco mancini materaFranco Mancini calciatore, allenatore, tifoso e batterista. I tanti amici di Matera lo ricordano così e probabilmente le parole di questa pagina della hall of fame sono già molto note ai lettori biancazzurri e non solo.

Nasce calcisticamente nel vecchio campo in terra del rione «Bottiglione», nei pressi di un noto panificio dove poco dopo comincia a lavorare. Da piccolo si trova più a suo agio in attacco ma il fratello Vito intravede in lui le doti da estremo difensore e così Franco si sposta tra i pali dove fa ancora sfoggio di una certa abilità di palleggio, tanto da essere definito anche da professionista un portiere "coi piedi buoni".

franco mancini matera 2Nella stagione 1985-86 (fino ad allora era stato presenza fissa tra i tifosi più accesi) entra nella rosa della prima squadra del Matera, in un primo momento come "dodicesimo" dietro Gigi Mattarollo. Presto però diviene titolare e colleziona ventitre presenze subendo solo diciassette reti. Un grande risultato per un portiere esordiente che si mette subito in mostra per l'agilità e l'efficacia dei suoi interventi.

 

Disputa un altro campionato di C2 nella sua città e si trasferisce. Il resto è storia nota: il Foggia della miracolosa scalata alla Serie A e di "Zemanlandia", la Lazio, il Bari, il Napoli, il Pisa e le altre piazze dove lascia un ottimo ricordo tecnico e umano. Non è un caso se proprio Zdenek Zeman lo chiama con lui a Foggia e Pescara nella veste di preparatore dei portieri, incarico che ha ricoperto fino alla sua prematura scomparsa.

 

Oltre a un centro sportivo nel suo quartiere, la città di Matera e i tifosi gli dedicano una scuola calcio, una strofa dell'inno della squadra (è l'unico insieme al Presidente Salerno) e un intero settore dello Stadio.

 

franco mancini matera 3È storia recente l'amicizia nata tra i tifosi del Matera e quelli del Foggia in occasione dell'intitolazione della Gradinata del «XXI Settembre-Franco Salerno» e della Curva Nord dello «Zaccheria» all'ex numero uno; dal 2013 inoltre le due tifoserie organizzate si incontrano annualmente (il primo anno a Foggia, l'anno seguente a Matera) per disputare un torneo di calcio a 5 denominato "In onore di Franco Mancini".

Un aneddoto su Mancini riguarda il suo rapporto con l'allenatore dei portieri (e a sua volta ex estremo difensore del Matera) Vincenzo Antezza. L'episodio risale ai tempi delle giovanili. Queste le parole del tecnico: «La prima volta che lo vidi mi dissero che era una testa calda e che mi avrebbe creato qualche problema. In realtà lo incontravo quotidianamente perché giocava sia con i suoi coetanei che con i più grandi e l'unica volta che lo ripresi fu perché si accese una sigaretta nel pullmino al rientro da una trasferta. Non ricordo chi e per quale ragione mi mise in guardia da lui, era ed è sempre rimasto anche in seguito un ragazzo fantastico».

 Clicca qui per visualizzare le statistiche di Franco Mancini con il Matera

Mancini tamburo