icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

incarbonaincarbonaSiciliano d’origine, Bruno Incarbona giunge a Matera da bambino, figlio di un dipendente di una banca nella Città dei Sassi. Può essere considerato a tutti gli effetti un materano d’adozione in virtù della sua crescita calcistica e della sua importante militanza nel club biancazzurro.

Sotto la sapiente guida tecnica del compianto mister delle giovanili Mimmo De Lucia, si forma come solido centrocampista in grado di ricoprire anche il ruolo di difensore di fascia e presto, appena diciottenne, arriva la promozione in prima squadra, come sarebbe avvenuto di lì a poco per i suoi compagni di squadra Innella, Tataranni, Adorisio, ed in seguito Rebesco e Mancini. Cominciava a prendere forma il blocco dei giovani che avrebbe costituito l’ossatura della squadra nei campionati di C2 degli Anni Ottanta.

Le tre stagioni in biancazzurro coincidono con due dodicesimi e un ottavo posto e rappresentano il trampolino di lancio di una carriera ricca di successi. Al termine della stagione 1984-85 passa, assieme al compagno di squadra Ghedin, al Barletta, formazione con cui ottiene due anni dopo il pass per la Serie B. La promozione con il club biancorosso non sarà l’unica, Incarbona infatti si specializza in salti di categoria vincendo campionati di C1 anche a Salerno, Terni e Palermo.

tataranni incarbona innella
Tre giovanissimi calciatori del vivaio biancazzurro: Tataranni, Incarbona e Innella

Incarbona è uno dei pochi calciatori del Matera ad aver indossato la casacca biancazzurra in diverse gestioni del club. Nel 1996-97 infatti torna a Matera, divenuta nel frattempo “Polisportiva”, su offerta del direttore generale Franco Tafuni e contribuendo alla salvezza in C2 della squadra che lo aveva lanciato quindici anni prima. Proprio in quel campionato si ricorda una sua rete in una storica vittoria per 5-1 del Matera ai danni del Catania.

Appese le scarpe al chiodo, Incarbona si è trasferito a Roma e lavora in una scuola della capitale. Fino alla scorsa stagione inoltre ha allenato il Santa Maria nella Serie D girone G e precedentemente è stato allenatore di varie formazioni locali dedite al settore giovanile. Segue ancora oggi con una certa passione i colori biancazzurri del Matera per i suoi trascorsi e i ricordi che ha lasciato nella Città dei Sassi ma anche per l’amicizia che lo lega all’attuale presidente Saverio Columella.

 

Clicca qui per visualizzare le statistiche di Incarbona con il Matera