Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

chisena azioneIn vista dell'impegno di domenica allo stadio <<Fittipaldi>> abbiamo intervistato Tonio Chisena, calciatore materano che dopo aver militato in Messina, Bari, Gualdo e Andria, ha indossato proprio le casacche del Matera e del Francavilla.

La prima domanda sorge spontanea, per chi farai il tifo domenica?
Ovviamente rispondo Matera, senza esitare. Anche se ho trascorso cinque stagioni a Francavilla sono sempre stato tifoso della squadra della mia città e mi auguro che domenica possa fare bottino pieno e raggiungere la vetta della classifica.

A Matera hai giocato una sola stagione, che ricordi hai di quel campionato 2008-09?
Devo dire che ho un ricordo bellissimo di quella annata, anche se a livello di risultati non è andata come doveva. Giocare con la maglia della squadra della propria città è stato fantastico e ho trascorso davvero dei momenti bellissimi. In particolare ricordo l'esordio in campionato contro il Grottaglie: c'era un pubblico eccezionale e mi vengono i brividi se penso al boato che si sentì quando Diego Albano mise dentro la palla dell'uno a zero.

Eravate uno squadrone sulla carta, che cosa non ha funzionato in quel campionato secondo te?
Per quanto mi riguarda sono rammaricato di non aver potuto dare il meglio di me a causa dei numerosi infortuni patiti durante l'arco della stagione. A livello di collettivo secondo me abbiamo pagato il fatto di aver cambiato diverse volte allenatori e staff tecnico, mi riferisco sopratutto ai preparatori atletici. Potrebbe sembrare secondario ma questo è un fattore decisivo nel calcio. Sicuramente molti di noi, me compreso, questo lo hanno pagato a livello di infortuni e condizione fisica.


chisena del preteTorniamo al presente, che consigli daresti ai ragazzi del Matera per battere il Francavilla?
Posso dire solo che sul piano psicologico il Matera non deve sottovalutare assolutamente l'avversario di domenica, sarebbe un errore fatale. Il presidente rossoblu Cupparo, mister Lazic e i tifosi locali ci tengono tantissimo alla partita del Matera, si potrebbe dire che vivono l'intera stagione aspettandola. Quindi arriveranno caricatissimi a questo incontro.

Non posso non chiederti un parere obbiettivo sul campionato fatto fino a questo momento dal Matera e un pronostico.
L'organico del Matera è di tutto rispetto per la categoria e sono sicuro che si possano raggiungere i traguardi prestabiliti. Ovviamente va trovato ancora il giusto equilibrio, i margini di miglioramento sono notevoli. Se devo ''sparare'' un pronostico azzardo una vittoria per 2 a 1.

Per chiudere la chiacchierata, cosa puoi raccontare agli amici di MateraCalcioStory della tua avventura ad Altamura?
Mi sto divertendo tanto. Siamo primi in classifica e speriamo di tornare presto ad assistere a un Matera-Altamura, magari in Serie C (ride ndr). Comunque sia, sono contento sopratutto del gruppo che si è creato, tra l'altro ad Altamura c'è una piccola colonia materana perchè oltre a me ci sono anche Marsico, Martinelli e Coretti.

Francesco Salerno