icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Intervista a cura di Nicola Salerno, fotografie di Sandro Veglia

carratoQuesta settimana abbiamo raggiunto telefonicamente Ciro Carrato, centrocampista mancino che ha militato nelle fila del Matera nella stagione 2006-07; ventotto presenze e sei goal all'attivo il suo bottino personale.

Come è stata la tua esperienza materana da ragazzo appena ventenne in una squadra di giovani che fece divertire il pubblico?

Il mio ricordo di Matera è molto positivo, ero nel fior fiore dei miei anni e mi sono trovato molto bene in città e con tutto l'ambiente, la gente di Matera, i compagni di squadra. Quell'anno abbiamo fatto bene, anche io disputai un bel campionato, e fino a dicembre stavamo andando veramente forte. Poi da dicembre cambiarono un po' di cose e il rendimento calò, così ci siamo salvati solo all'ultima giornata, ma comunque ci siamo tolti molte soddisfazioni. Eravamo una squadra giovanissima, se pensiamo ad esempio che il capitano era Marsico che aveva ventidue anni. Poi alla nostra guida c'era il mister Aldo Raimondi che è una persona a cui devo molto, mi ha cresciuto fin dalle giovanili a Salerno e con lui mi sono trovato benissimo. Venivo da un'altra piazza importante come quella di Torre Annunziata, ma devo dire che Matera mi è rimasta davvero nel cuore.

carrato esultanzaQuali sono stati gli anni più significativi e che ricordi con maggior piacere della tua carriera da calciatore?

Come detto, l'anno prima di arrivare a Matera giocai con il Savoia, quindi ho esordito con due piazze calcistiche belle ed importanti, poi ho girato molto passando al Sant'Antonio Abate, a Roma con il Cynthia, ed inoltre in Calabria ho vestito diverse casacche: quella del Sambiase, poi Valle Grecanica e Roccella Jonica. Ho girato parecchio in carriera totalizzando complessivamente undici stagioni in serie D.

Dove giochi attualmente e quali sono i tuoi programmi per il futuro?

Vivo a L'Aquila dove ho messo su famiglia, ho una bambina di tre anni. Gioco in Eccellenza con l'Amiternina a Scoppito, nell'aquilano. Ho trent'anni ed ancora tanta voglia di giocare, sto bene e spero di continuare quella che per me è una passione prima ancora che un lavoro. Mi auguro di poter dire ancora la mia per un po' di tempo.

carrato azioneVuoi salutare e mandare un messaggio ai tifosi materani che si apprestano ad affrontare i play-off di Lega Pro?

Ho seguito il campionato del Matera e vedo che è un'ottima squadra, partita benissimo che poi ha un po' steccato qualche partita, ma nel calcio ci può stare. Il mister è un ottimo allenatore, uno dei migliori in circolazione, che ha sempre espresso un buon calcio con squadre organizzate e competitive. Spero che nei play-off possano dimostrare tutto il loro valore e riescano ad affrontarli al massimo, poi una vittoria finale sarebbe proprio la ciliegina sulla torta. Matera merita questi palcoscenici e il calcio a questi livelli, la nostra serie D stava troppo stretta a questa città. Voglio salutare tutti i tifosi biancazzurri e fargli un grande in bocca al lupo, a Matera siamo stati trattati benissimo, erano legati a noi, ci hanno stimato e voluto bene capendo che eravamo giovani e in campo davamo tutto.