Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

TRADIZIONE - "Società Sportiva Dilettantistica Calcio Città di Brindisi" è soltanto l'ultima denominazione di un club con un passato recente decisamente travagliato: dal 1990 a oggi la società biancoazzurra ha conosciuto quattro volte l'onta del fallimento con un vorticoso susseguirsi di nuovi proprietari e amministratori. Vicende che non rendono certo l'idea del passato calcistico brindisino, quello del presidente Franco Fanuzzi, che disputò per quattro stagioni consecutive la serie cadetta e poi svariati campionati di Serie C.
In tempi recenti il destino del club si è incrociato più volte con quello del Matera, sopratutto nel 2001-02, quando assieme all'Ostuni e al Grottaglie, il Brindisi allenato da Boccolini e l'allora Materasassi allenato da Chiappini, diedero vita a un testa a testa avvincente che si concluse con il trionfo dei salentini che vantavano tra le proprie fila giocatori come Sardelli, Latartara, D'Amblè, e sopratutto Jose Ignacio Castillo.

Brindisi LogoATTUALITÀ - Dopo un anno di transizione conclusosi con una salvezza in affanno (nemmeno a farlo a posta con una partita decisiva a Matera) il Brindisi si è presentato ai nastri di partenza del 2013-14 non senza ambizioni. Agli ordini di mister Salvatore Ciullo ci sono, tra gli altri, elementi come Gambino, Tedesco e Albano che lasciano pensare a un attacco veramente esplosivo. Diego è arrivato solo da pochi giorni dal Manfredonia, ma l'operazione che ha portato il materano allo stadio Fanuzzi si può definire "operazione nostalgia", visto che ha indossato la maglia con la V azzurra già nel 2003-04, nel 2012-13 e nel 2013-14.
La difesa-bunker del Matera dovrà reggere agli attacchi di una formazione che ha messo a segno otto reti in tre partite e che è ancora in attesa della prima vittoria interna dopo il pareggio di due settimane fa con il Gladiator.
Il Brindisi si è rivelato sempre una bestia nera per il Matera. Nell'ultima stagione, nonostante le due formazioni avessero ambizioni e situazioni di classifica molto diverse, i lucani hanno ottenuto solo un punto in due partite. All'andata il Brindisi si impose due a uno, mettendo la parola fine all'esperienza di Giancarlo Favarin sulla panchina materana, e nella gara di ritorno i salentini sotto di due reti fermarono i padroni di casa sul 3 a 3 al XXI Settembre-Franco Salerno.

Clicca qui per visualizzare i precedenti tra Matera e Brindisi

LA TIFOSERIA - I rapporti tra materani e brindisini, fino al 2002, sono sempre stati tranquilli. Inoltre, a livello societario, sopratutto negli Anni Settanta, dall'amicizia personale nacque una proficua collaborazione tra i presidenti Salerno e Fanuzzi che in più di una occasione si scambiarono numerosi giocatori a seconda delle esigenze dei club. Dal 2002 però, a causa dell'esasperata competizione in campionato, spesso con entrambe le squadre ai vertici della classifica, si è verificato un progressivo peggioramento dei rapporti tra i tifosi, culminato con degli incidenti nel 2009.
Il gruppo che occupa lo spazio centrale nella curva intitolata a Michele Stasi, è "Teenager Korps" con numerose altre formazioni come Ultras Brindisi, Gruppo Autonomo, Vecchia Guardia e altri. Storico è sicuramente lo striscione dei Legione 1984.  Le principali rivalità dei brindisini si trovano nella stessa Puglia, in primis Lecce.

 

Francesco Salerno