Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

QUESTIONE DI NUMERI - Il Matera esce indenne dalla trasferta di Brindisi conquistando un punto che non regala ai biancoazzurri la testa della classifica ma tanta consapevolezza e fiducia nei propri mezzi, sopratutto per i miglioramenti sul piano del gioco. Quello di Cosco inoltre, domenica potrebbe già diventare un Matera da record: la porta di Spilabotte è inviolata da oltre 360 minuti, il quarto miglior risultato di sempre per questa voce statistica. Secondo i dati ufficiali infatti, solo in tre occasioni la difesa del Matera ha fatto meglio: nel campionato 1967-68 quando l'inviolabilità iniziale durò 560 minuti (essendo stata interrotta al 20º minuto della 7ª giornata in Puteolana-Matera), nel 1952-53 quando si arrivò a 521 minuti (71º minuto della 6ª giornata, Rionero-Materacalcio), e infine nel 1978-79 quando durante la partita Pisa-Matera, Barbana dei toscani mise a segno la rete dell'1-0 finale, ponendo fine ai 373 minuti di imbattibilità del portiere Casiraghi.
Se domenica il San Severo non dovesse andare a segno nei primi tredici minuti di gioco quindi, la difesa targata 2013-14 salirà sul gradino più basso del podio di questa importante classifica. Un dato non trascurabile per gli scaramantici visto che in tutte e tre le stagioni sopracitate, il Matera concluse il campionato con il salto di categoria.
Sempre considerando i dati relativi alla difesa, se consideriamo in generale le partite di campionato, per trovare l'ultimo gol subìto bisogna andare indietro fino alla rete del Foggia nei play-off della passata stagione, dato che anche nelle successive gare con la Maceratese e la Casertana, il Matera lasciò gli avversari a bocca asciutta nei novanta minuti regolamentari.
Se si considerano, infine, i risultati utili nella regular season, i biancoazzurri non perdono dallo 0 a 3 con il Gladiator, si sta parlando quindi di una striscia di partite utili consecutive che è giunta ormai a tredici incontri.

LA PANORAMICA SUL GIRONE - Nonostante tutti questi dati lusinghieri, gli uomini di Cosco non devono lasciarsi distrarre dall'unico vero obiettivo: la vittoria del campionato. Mai come in questa stagione infatti, si fa fatica a individuare una possibile ''lepre'' come accaduto l'anno scorso con l'Ischia, e la sconfitta del Marcianise a Manfredonia ne è la dimostrazione. La squadra di Foglia Manzillo non è riuscita a rimontare la rete di La Porta in avvio di gara e così i sipontini raccolgono tre punti d'oro contro la capolista che vede ridurre al minimo il suo vantaggio sulle inseguitrici. 
Le altre grandi però ne approfittano solo in parte. Se Matera e Brindisi si annullano, anche il Taranto torna da Bisceglie con un solo punto che dimostra quanto sia difficile strappare la vittoria allo stadio "Ventura". Tra le mura amiche i neroazzurri hanno già fermato sul pari sia gli jonici che lo stesso Matera, ma nella gara contro la formazione di Maiuri hanno sfiorato il colpaccio: in vantaggio di due reti a cinque minuti dal termine, gli uomini di mister Bitetto fanno karakiri e si fanno rimontare fino al 3 a 3 finale. L'ultima rete del Taranto arriva al minuto numero 88 e porta la firma di Cristiano Ancora, ottantacinque presenze e venti reti con la maglia del Matera.
Importante anche la vittoria di misura della Turris contro il Monopoli, sopratutto in virtù del derby di domenica prossima tra i gabbiani e il Brindisi che potrebbe già tracciare i primi solchi tra le pretendenti al titolo. 
In coda da registrare la seconda rinuncia consecutiva di un Nardò ormai in piena agonia: oltre allo 0 a 3 a tavolino per rinuncia e al conseguente punto di penalizzazione, è notizia di ieri che la Commissione Disciplinare Nazionale ha inflitto altri sei punti di penalità al club granata, portandolo a meno undici, a causa di alcuni stipendi non pagati nelle precedenti stagioni.

Francesco Salerno