Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Rubrica a cura di Francesco Salerno e Fabio Venezia

 

Gladiator 1924IL CAMPIONATO - Il Gladiator che domenica si presenterà al <<XXI Settembre-Franco Salerno>> è soltanto una copia sbiadita della formazione altamente competitiva che l'anno scorso, nel finale di stagione, soffiò la seconda piazza proprio al Matera. I giocatori nerazzurri non percepiscono lo stipendio da tre mesi e la società sembra allo sbando dopo l'abbandono del presidente Vito. In questo contesto, con i giocatori che ormai disertano gli allenamenti, anche la presenza dell'allenatore Cimmino sembrava in dubbio ma nelle ultime ore il mister sammaritano sembra essere tornato sui suoi passi.

Commentare il cammino stagionale della squadra non è facile: la stagione era iniziata bene con quattordici punti in sei partite a cui però hanno fatto seguito la bellezza di tredici domeniche senza vittorie. Nell'ultima uscita stagionale, tra le mura amiche, il Gladiator ha fermato sull'uno a uno il Gelbison, un pareggio che non ha mosso la classifica deficitaria dei nerazzurri che condividono l'ultimo posto con la Puteolana.

Quella che andrà in scena domenica sarà anche la sfida tra il peggior attacco (19 reti) e la miglior difesa (16 reti) ma l'incontro di domenica non va sottovalutato da parte degli uomini di Cosco: la classifica nelle retrovie è ancora corta e i nerazzurri con una svolta societaria avrebbero ancora le carte in regola per raddrizzare la stagione e conservare la categoria. Il Matera dal canto suo deve approfittare dell'incontro non facile del Marcianise contro il Brindisi per allungare e staccarsi dal gruppo degli inseguitori.

LA SQUADRA - Difficile prevedere chi indosserà la maglia del Gladiator domenica prossima al “XXI Settembre – Franco Salerno”. Nel pomeriggio di giovedì una delegazione di tifosi e giocatori, con in testa capitan Bonavolontà, ha incontrato il sindaco di Santa Maria Capua Vetere che ha cercato di prendere tempo, chiedendo alla squadra di non disertare la trasferta di Matera. Trasferta che sarà economicamente garantita dall'attuale commissario societario Stellato. Alla fine, quindi, il Gladiator a Matera ci sarà.

Il portiere titolare è Munao, classe 1988, nella passata stagione in Eccellenza.

Per il ruolo di terzino destro Cimmino potrebbe schierare l'under del 1995 Degli Innocenti mentre a sinistra il '91 Fabio Ferrara, ex Isola Liri in C, ed il coetaneo Diana sono in ballottaggio.
Al centro della difesa il mister sammaritano può puntare su giocatori giovani ma di categoria come Raffaele Esposito, anche lui nella passata stagione a Isola Liri, Gennaro Simonetti, che ha iniziato il campionato a San Severo, e Francesco Laezza.

In mezzo al campo il '94 Vincenzo Carfagno ed il capitano Alessio Bonavolontà, 24 anni. Lungo l'out di destra spazio all'under classe 1995 Del Gaudio, a sinistra Cimmino può scegliere tra Puccinelli, ex Pomigliano e Nardò, Raffaele Santaniello, favorito, e Constantin Sandu.

In attacco l'ex Forza e Coraggio e Neapolis Carlo De Falco, Luca Martone (17 gol a Sant'Antonio Abate nel 2011-12).

Clicca qui per visualizzare i precedenti tra Matera e Gladiator