Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

A cura di Francesco Salerno, Fabio Venezia e Nicola Salerno

logo catanzaroGLI AVVERSARI - Con dieci punti conquistati in quattro partite (2-0 alla Juve Stabia, 1-1 sul campo del Benevento, 1-0 interno contro il Martina e largo successo per 4-2 a Melfi) il Catanzaro occupa la prima posizione in coabitazione con Benevento, Salernitana e Lupa Roma. Un primato meritato e non certo frutto del caso per i giallorossi allenati da Francesco Moriero che dopo una lunga carriera da calciatore con, tra le altre, Roma, Inter e Napoli, ha intrapreso quella da allenatore sedendo su panchine importanti come Lanciano, Crotone, Frosinone, Grosseto e Lecce.

Il modulo solitamente adottato dal tecnico originario di Lecce è il 4-2-3-1. Tra i pali il 27enne scuola Inter Giacomo Bindi, già titolare a Catanzaro nella passata stagione.

Difesa a quattro con la riconfermata coppia di centrali formata da Michele Rigione e Salvatore Ferraro che sarà supportata sugli esterni da Manuel Daffara, l'anno scorso tra Perugia e Beira Mar (Serie A portoghese), a destra e dal 24enne Gianluca Di Chiara, altro riconfermato, a sinistra.

Davanti alla difesa Moriero schiererà due tra Gabriele Pacciardi, negli ultimi anni sempre protagonista in C con Crotone, Benevento, Carrarese e San Marino, Antonio Vacca e l'ex Messina Stefano Maiorano. Dietro all'unica punta Moriero è solito schierare due esterni alti ed un trequartista. A destra ci sarà Biagio Pagano, giocatore di qualità e grande esperienza avendo giocato per oltre dieci anni tra A e B (Sampdoria, Atalanta, Bari, Rimini, Reggina, Livorno, Torino, Nocerina e Modena), mentre dalla parte opposta uno tra Dario Barraco, ex di Trapani, Latina e Lecce, ed il riconfermato Riccardo Martignago. Dietro l'unica punta mancherà probabilmente l'infortunato Carlo Ilari, l'anno scorso a Barletta, quindi appare scontato l'impiego di Andrea Russotto, 26enne che può vantare sedici presenze in A con Treviso e Napoli.

In avanti è ancora out il senegalese Diomansy Kamara, il grande colpo di mercato del Catanzaro ritornato in Calabria a distanza di 14 anni durante i quali ha giocato tre anni in A a Modena per poi trasferirsi in Inghilterra, Scozia e Turchia. Difficile anche il recupero del francese Mohamed Fofana, ex Cittadella, Ravenna, Lanciano e Salernitana, spazio quindi al brasiliano Diego Silva Reis, approdato in giallorosso in estate dopo otto stagioni a Prato tra C2 e C1.

curva catanzaro
La curva ovest "Massimo Capraro", settore della tifoseria giallorossa, con il famoso pino al centro della curva. Fonte: Wikipedia

LO STADIO – Un’altra trasferta attende l’undici biancazzurro dopo il trionfo di Messina. Ad ospitare il Matera stavolta sarà lo stadio Nicola Ceravolo di Catanzaro.

La casa dei giallorossi è intitolata al presidente del club a cui sono legati i più bei ricordi calcistici cittadini e sotto la cui gestione le “aquile” raggiunsero i massimi livelli conquistando due finali di Coppa Italia e collezionando diversi campionati in massima serie. Al dirigente è stata addirittura costruita una statua nei pressi della curva ovest.

Costruito negli anni venti e inizialmente conosciuto come “stadio militare”, l’impianto conta 14650 posti a sedere suddivisi in tribuna coperta, due settori “distinti”, settore ospiti e la curva ovest intitolata a Massimo Capraro, tifoso scomparso in un incidente stradale nel 1996.

Stadio a pianta ovale e manto erboso naturale, negli anni d’oro in cui il Catanzaro disputava campionati di Serie A e B la capienza giunse a toccare l’invidiabile quota di 30mila posti, ridotti col passare degli anni di pari passo con il declino sportivo del club.

La nuova promozione in Serie B di metà anni duemila è coincisa con lavori di ammodernamento vanificati poi da un lento e inesorabile declino che ha raggiunto il punto più basso nella stagione di Lega Pro 2010-11, quando i giallorossi furono costretti a disputare le gare interne a porte chiuse per gravi inadempienze della struttura. Tuttavia con il ritorno della squadra in Serie C la situazione è sembrata mutare progressivamente e nel 2014 è definitivamente ripartito l’iter che riporterà il Ceravolo ai vecchi fasti.

I PRECEDENTI - di seguito sono elencati i tabellini completi di tutti i precedenti di campionato disputati in trasferta contro il Catanzaro.

Stagione 1991-92 – Campionato di Serie C2 - 13ª giornata – 8.12.1991

Catanzaro – Matera 2-1

Catanzaro: De Toffol, Scarfone, Tacconi (50’ Brutto), Raise, Martino, Rispoli, Toscano, Esposito, Mollica, Bianchini (14’ Procopio), Vinci. All. Rambone

Matera: Morciano, Surace, Iannella, Presta, Tanzi, Gigliotti, Gardini, Satorini (70’ Filidoro), Ferrante (46’ Valastro), Caputo, Pugliese. All. Pasquino

Marcatori: 20’ Vinci (C), 44’ Mollica (C), 73’ Pugliese (M)

piero caputo
Piero Caputo, autore del gol vittoria nella stagione 1992-93 con un gran calcio di punizione.

Stagione 1992-93 – Campionato di Serie C2 - 32ª giornata – 6.6.1993

Catanzaro – Matera 0-1

Catanzaro: Misefori, Scorrano, Brutto, Giacalone, Savio, Catto, Esposito, Leone (60’ Vinci), Mollica, Mazzola, Guzzetti (72’ Procopio). All. Banelli

Matera: Bruno, Danza, Iannella, Gigliotti,Tanzi, Leo (65’ Pugliese, 83’ Ferrante), De Solda, De Gregorio, Ianuale, Caputo, Ciullo. All. Dibenedetto

Marcatori: 85’ Caputo

Stagione 1994-95 – Campionato di Serie C2 - 9ª giornata – 30.10.1994

Catanzaro – Matera 1-1

Catanzaro: Nioi, Brutto, Gardini, Scorrano (Dalmazio), Savio, Di Sole, Intrieri, Leone (Procopio), Petrucci, Navone, Galeano. All. Nicolini

Matera: Bruno, Cianciotta (Ronzat), De Solda, Giannascoli, Deruggiero, Toledo, Leo, Onofrio, Falaguerra (61’ Della Torre), D’Ermilio, Tatti. All. Raimondi

Marcatori: 13’ Falaguerra (M), 49’ Navone (C)

Stagione 1995-96 – Campionato di Serie C2 - 20ª giornata – 28.1.1996

Catanzaro – Matera 1-1

Catanzaro: Di Punzio, Gioffrè, Esposito, Gambardella (58’ Marchese), La Rosa, Brutto, De Luca, De Solda (63’ Celano), Di Baia, Campo, Galeano. All. Pasquino

Matera: Della Torre, Leo, Esposito, Carmelino, Bitetto, Tagliente, Telesca (52’ Lo Polito), Olivari, Falaguerra, La Torre (72’ Dinoia), Zian. All. Florimbi

Marcatori: 2’ Zian (M), 26’ Di Baia (C)

Stagione 1996-97 – Campionato di Serie C2 - 1ª giornata – 1.9.1996

Catanzaro – Matera 1-0

Catanzaro: Bizzarri, Fiorentini, Esposito, Cipriani, Mancini, Illario, Picasso, Vanzetto (61’ De Luca), Polidori (81’ Pisano), Campo (97’ Fugazzotto), Lazzini. All. Lavezzini

Matera: Bruno, Tafuni (78’ La Torre), Esposito, Olivari, Toledo, Lauriola, Bitetto, Lo Polito, Di Renzo, Incarbona (90’ Bellacicco), Zian. All. Fabiano

Marcatori: 75' De Luca

Stagione 2010-11 – Campionato di Seconda Divisione - 5ª giornata – 26.9.2010

Catanzaro – Matera 0-0

Catanzaro: Vono, Lauteri, Ciano, Boyomo, Benincasa, Gaglione, Gigliotti, Beha (46’ Morello), Puntoriere (66’ Ferrara), Corapi, Capicotto (23’ Catalano). All. Zè Maria

Matera: Lorello, Fedi, Villagatti, Malquori, Di Fusco, Provenzano, Logrieco, Stella, Del Sorbo, Alassani (71’ Capolei), Ancora (38’ Lorini). All. Cadregari