Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

A cura di Fabio Venezia, Francesco Salerno e Nicola Salerno

como1GLI AVVERSARI - Accesso ai playoff conquistato sul filo di lana per il Como, capace di conquistare quattro successi ed un pari nelle ultime cinque giornate. Battute, tra le altre, le dirette rivali Alessandria e Pavia. I lariani hanno concluso la stagione regolare al quarto posto a quota 67 punti, due in più dell’Alessandria e uno in meno del Pavia, terzo in graduatoria. Quarantotto i gol realizzati ed appena trentatre quelli al passivo (terza miglior difesa alle spalle di Novara ed Alessandria). Statistiche alla mano il Como è squadra più da trasferta che casalinga: al “Sinigaglia” gli azzurri hanno vinto otto volte (battuta, tra le altre, la capolista Novara), pareggiato in sei occasioni e perso in cinque. Decisamente migliore il ruolino di marcia esterno con ben dodici successi, un pareggio e sei KO. Un trend positivo che è proseguito sabato scorso a Benevento, dove i lombardi hanno vinto 2 a 1 eliminando a sorpresa i favoritissimi padroni di casa.

como2Degna di menzione l’avventura in Coppa Italia di Lega Pro, conclusasi con una doppia sconfitta in finale al cospetto del Cosenza. In panchina da Gennaio siede Carlo Sabatini, 54enne perugino fratello di Walter attuale direttore sportivo della Roma. Sabatini, subentrato a Giovanni Colella, alterna il 3-5-2, visto a Benevento, al 4-4-2 o addirittura al 4-3-1-2.

Tra i pali Diamante Crispino, classe 1994 prodotto del vivaio del Napoli. In difesa l’esperienza di Antonio Giosa, 31enne potentino ex di Reggina e Vicenza autore di due reti e due assist in campionato, Fabio Lebran, 28enne in prestito dal Crotone e Cesare Ambrosini, ventotto presenze ed un gol quest’anno.

como3In mezzo al campo Ivan Castiglia, tesserato a Gennaio dalla Salernitana ed ex di Reggina, Catanzaro e Vicenza, il mediano Giovanni Fietta e l’esperto Andrea Ardito, capitano 38enne già in riva al lago ad inizio degli anni 2000. Lungo le corsie esterne Alessio Cristiani, quattro gol in stagione, a destra e Andrea Marconi, in prestito dalla Pro Vercelli, a destra e Giacomo Casoli a sinistra.

In attacco Sabatini può contare su una coppia di bomber di razza: Simone Ganz, 21enne figlio d’arte in prestito dal Milan a segno undici volte in campionato e due sabato scorso a Benevento, ed il 33enne Giuseppe Le Noci, ex di Verona e Cremonese, anch’egli a quota undici centri in campionato. Inizialmente in panchina il classe ’91 Edoardo Difendi, sette reti in ventotto apparizioni. Unici assenti il difensore centrale Marchi e l’attaccante italobrasiliano Claudio De Sousa.

como4LO STADIO - La semifinale di andata dei play-off tra Como e Matera si disputerà allo stadio «Giuseppe Sinigaglia» un impianto che, in più stagioni, ha ospitato incontri in massima serie dei lombardi l’ultima volta nel campionato 2002-03.

Situato a pochi metri dal lago, è stato costruito in epoca fascista e per anni utilizzato anche come velodromo grazie a una pista ciclabile, ormai non più esistente, simile a quella ancora visibile oggi nello stadio di Varese. Anche la pista di atletica, un tempo presente, è stata eliminata.

Negli anni Novanta e negli anni Duemila è stato sottoposto a due restyling che hanno aumentato la capacità di posti a sedere portandola a 18mila unità, passate poi a 13 mila per motivi di sicurezza. La struttura si presenta con pianta semi-ovale con tribuna (unico settore coperto), gradinata e due imponenti curve in tubi innocenti.

È intitolato alla memoria di Giuseppe Sinigaglia, canottiere e militare, morto durante la prima guerra mondiale.

I PRECEDENTI - di seguito sono elencati i tabellini completi di tutti i precedenti di campionato disputati contro il Como.

Stagione 1979-80 – Campionato di Serie B –

Girone di andata - 15ª giornata – 23.12.1979

Como – Matera 2-1

Como: Vecchi, Marozzi, Gozzoli, Centi, Fontolan, Volpi, Mancini, Lombardi, Nicoletti, Pozzato, Cavagnetto (63' Serena). All. Marchioro

Matera: Casiraghi, Generoso, Beretta, Bussalino, Imborgia, Gambini, Aprile, Florio, Pavese (74' Raffaele), Peragine, Picat Re. All. Dibenedetto

  1979-80 matera-como
  Campionato 1979-80: azione di attacco di Raffaele nella gara casalinga contro il Como.

Marcatori: 39' Nicoletti (C), 57' Florio (M), 74' Nicoletti (C)

Girone di ritorno - 34ª giornata – 11.5.1980

Matera – Como 0-0

Matera: Casiraghi, Boggia, Raimondi (71' Peragine), Giannattasio, Bussalino, Gambini, Aprile, De Lorentis, Pini, Florio, Raffaele. All. Dibenedetto

Como: Vecchi, Vierchowod, Gozzoli (72' Melgrati), Centi, Fontolan, Volpi, Mancini, Lombardi, Nicoletti, Pozzato, Serena. All. Marchioro