Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Latina – MATERA 1-0

Reti: 18′ pt Paponi (L)

Latina (3-5-2): Pinsoglio, Esposito, Dellafiore, Garcia Tena, Bruscagnin, Rocca, De Vitis, Mariga, Scaglia, Corvia, Paponi

A disp.: Tonti, Mazzoleni, Celli, Regoli, Shahinas, Maciucca

All.: Vivarini

Matera (3-4-3): Alastra, Ingrosso, Mattera, Piccinni (80′ Meola), Di Lorenzo, De Rose (45′ Armellino), Papini, Casoli, Strambelli, Carretta, Infantino

A disp.: Bifulco, D’Egidio, Scognamillo, De Franco, Taccogna, Dellino

All.: Auteri

Note: Spettatori 1.000 circa di cui 150 nel settore ospiti. Matera con la seconda maglia, la storica casacca bianca con diagonale blu indossata nel campionato cadetto (l’unico nella storia materana) 1979/80. Indisponibili capitan Iannini e Louzada. Nel Matera esordio stagionale per il portiere Alastra e per il centrale difensivo Mattera; nel Latina non parte dal primo minuto l’ex di turno Rolando.

Cronaca a cura di Nicola Radogna

Il Matera esce a testa altissima dalla Coppa Italia TIM, sconfitto in trasferta per 1-0 dal Latina. Ottima la prova per i ragazzi di mister Auteri, più volte vicini al goal del pareggio ed assoluti padroni del gioco. Decide l’incontro una grandissima rete in rovesciata di Paponi nel primo tempo. Il portiere dei padroni di casa respinge tutti i tentativi dei biancoazzurri che escono comunque tra gli applausi dei circa 150 tifosi assiepati nel settore ospiti.

I lucani partono subito forte e prendono in mano il controllo del gioco, facendosi vedere dalle parti di Pinsoglio già al 4′ con Carretta, ben imbeccato dal lancio lungo di Piccinni: il cross dell’esterno destro materano non trova Infantino per poco. La fase difensiva del Matera spegne sul nascere le incursioni dei padroni di casa che ci provano con un possesso palla sterile a centrocampo. Sulla prima vera occasione da rete i neroazzurri passano: al minuto 18′ il tiro di Corvia dal limite dell’area è deviato da un difensore materano, la palla assume una traiettoria a mezza altezza ed arriva a Paponi, posizionato a centro area e tenuto in gioco da Piccinni, che con una spettacolare rovesciata batte Alastra. Gli ospiti, immeritatamente in svantaggio, provano a rialzare la testa. Dopo un paio di incursioni di Carretta, bloccate dalla difesa pontina, è Alastra a fare buona guardia alla mezz’ora sul tiro ancora di Paponi. Sul finire del primo tempo il Matera aumenta la pressione offensiva e va vicino al pareggio prima con Carretta al 40′, conclusione fuori bersaglio, poi con un calcio piazzato battuto da Strambelli, fuori di un soffio.

Nella ripresa primo cambio tra le fila lucane, fuori De Rose e dentro Armellino. Il copione del match non cambia, il Matera è assoluto padrone del gioco. Occasionissima per gli uomini di Auteri al 7′, solo un miracolo consente a Pinsoglio di respingere il tiro di Di Lorenzo. Da segnalare al minuto 16′ l’ingresso in campo dell’ex di turno Rolando, autore di un’ottima stagione lo scorso anno nella città dei Sassi. Con il passare dei minuti aumenta la stanchezza e le squadre perdono lucidità. Piccinni ci prova al 21′ con un gran colpo di testa che finisce sull’esterno della rete; due minuti più tardi è Carretta a seminare il panico sulla fascia, il cross al centro è mancato da Infantino e diviene preda di Casoli che calcia, il tiro è però ribattuto dalla difesa latinense. Ancora Carretta imprendibile al 26′ ma si lascia ipnotizzare a tu per tu con Pinsoglio; subito dopo è Infantino ad impensierire seriamente il portiere pontino. L’estremo difensore neroazzurro è in giornata di grazia e lo dimostra anche alla mezz’ora, grande il suo intervento sul calcio di punizione battuto da Strambelli, ed al 34′ su una conclusione di Papini. Mister Auteri opta per il secondo cambio, fuori Piccinni e dentro Meola per dare maggiore spinta offensiva. Biancoazzurri che si riversano completamente in avanti alla ricerca disperata del pareggio, la difesa dei padroni di casa sbroglia a fatica i tentativi di Armellino e Di Lorenzo. Al 41′ terzo ed ultimo cambio per il Matera, debutto stagionale del neo-acquisto brasiliano Sartore al posto di Strambelli. Non accade più niente fino al triplice fischio finale, il Matera esce a testa alta dal secondo turno di Coppa Italia TIM dopo aver disputato un’ottima partita contro un avversario di categoria superiore. Un match da cui mister Auteri ed i tifosi sicuramente potranno trarre numerose indicazioni positive.