Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

ladik aprile

Riceviamo e pubblichiamo molto volentieri dal nostro amico Romano Ladik due fotografie insieme ad un breve e molto significativo messaggio:

 

«In occasione dell'incontro Siracusa-Matera del 9/10/2016. Epoche (e... altezze) a confronto... Il "bello" ed il significato della vita anche attraverso lo sport! Immagini che permettono la continuità tra il passato e il presente! Un "vecchio" (nel giusto senso della parola) capitano del Matera che... "idealmente" accoglie alcuni componenti del Matera di oggi, riproponendo quei ricordi del "calcio che fu", augurando ai contemporanei calciatori ed a tutta la società un futuro colmo di successi e traguardi sempre più prestigiosi!».

 

ladik materaLadik, classe 1930, mezzala e capitano del Matera Calcio e della Libertas Matera negli anni cinquanta (qui la nostra intervista che abbiamo pubblicato lo scorso anno e qui l'articolo sulla Libertas vivaio dei calciatori materani in quegli anni del secondo dopoguerra), vive a Siracusa, segue sempre con affetto il nostro sito e le sorti dei biancazzurri, rimasti la sua squadra del cuore, e nello scorso fine settimana, approfittando della trasferta del Matera nella città dove vive, non ha perso l'occasione per andare a trovare la squadra e lo staff del Matera nel ritiro prepartita. Naturalmente l'indomani era presente anche allo stadio dove ha assistito alla prestazione ahinoi negativa dei nostri, tuttavia ha già avuto modo di rallegrarsi per il pronto riscatto del Matera nella domenica seguente in casa contro il Catanzaro. Pubblichiamo con grande piacere le due fotografie scattate insieme al preparatore dei portieri Aprile ed insieme ai veterani del Matera Calcio edizione 2016-17, Iannini (da capitano a capitano), Bifulco e Carretta, e il preparatore atletico Di Mauro.

Le proponiamo ai nostri lettori in questo ideale abbraccio tra generazioni con un denominatore comune, la maglia biancazzurra.