Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Foggia - Matera 0-1

IMGL4595Foggia: Sanchez, Sicurella, Loiacono, Martinelli, Dinielli (70' Angelo), Agnelli, Quinto, Riverola, Sansone (57' Chiricò), Padovan (61' Sainz-Maza), Letizia. A disposizione: Guarna, Vacca, Sarno, Agazzi, Coletti, Rubin, Tucci, Gerbo. All. Stroppa

Matera: D'Egidio, Scognamillo, Piccinni, Gigli, Meola, De Rose, Armellino, Casoli, Strambelli (78' Negro), Louzada (65' Mattera), Carretta (85' Dellino). A disposizione: Alastra, De Franco, Iannini, Taccogna, Di Lorenzo, Ingrosso, Hisay, Lampugnani. All. Auteri

Arbitro: Camplone di Pescara. Assistenti: Cantafio di Lamezia Terme e Selicato di Siena

Marcatori: 16' Carretta

Note: ammoniti Scognamillo, Carretta, De Rose (M). Espulsi Agnelli (F) al 52' per doppia ammonizione e Loiacono (F) al 95' per scorrettezze. Al 7' del pt D'Egidio ha parato un calcio di rigore tirato da Letizia.

Cronaca a cura di Nicola Radogna, fotografie di Federico Antonellis

IMGL4603Il Matera espugna lo stadio Zaccheria di Foggia ed accede ai quarti di finale della Coppa Italia di Lega Pro. Decisiva la rete realizzata nel giorno del suo compleanno da Mirko Carretta nel primo tempo; l’attaccante di Gallipoli ha approfittato di un errore del portiere avversario Sanchez e l’ha trafitto con un sinistro dal limite dell’area. Prima del goal dell’1-0, il giovanissimo portiere biancoazzurro D’Egidio si è reso protagonista parando un penalty battuto dall’ex di turno Tony Letizia. Nel complesso buona prestazione dei lucani che colpiscono anche un palo nel secondo tempo con Casoli. Il Matera adesso se la vedrà nel turno successivo con il Taranto, vincitore per 1-0 contro il Messina.

Foggia e Matera si sfidano per gli ottavi di finale della Coppa Italia di Lega Pro. Domenica al XXI Settembre “Franco Salerno” i biancoazzurri ospiteranno una delle tre capoliste, la Juve Stabia, per cui mister Auteri schiera i calciatori che meno hanno giocato fino ad ora, senza rinunciare al suo abituale 3-4-3. Tra i pali il giovanissimo D’Egidio, difesa a tre con Scognamillo a destra, Gigli centrale e Piccinni a sinistra. A centrocampo trovano spazio De Rose ed Armellino centrali, sulle fasce Meola e Casoli. In avanti tridente formato da Strambelli, Louzada e Carretta. Gli avversari, allenati da mister Stroppa, rispondono con un 4-3-3 composto, come per il Matera, da un mix di giocatori meno utilizzati (come l’ex di turno Letizia) e titolari (tra tutti capitan Agnelli). Davanti ad una scarsa cornice di pubblico (considerato anche l’orario poco comodo in una giornata lavorativa) è subito il Foggia a partire forteandando a rete con Loiacono, ma il direttore di gara annulla. Risponde Armellino al 5′ con un tiro che termina alto. Un minuto più tardi i satanelli colpiscono un palo con Dinielli. L’azione dei rossoneri è insistente e produce un calcio di rigore concesso dal Sig. Complone per l’atterramento di Padovan da parte di Piccinni. Dal dischetto si presenta l’ex di turno Letizia che si lascia parare il tiro dal portiere materano D’Egidio. Il Matera piano piano alza la testa e prende metri a centrocampo fino all’azione del vantaggio al minuto 15. Errore di Sanchez in fase di ripartenza, ne approfitta Carretta che, nel giorno del suo compleanno, scaglia un tiro da fuori area che si infila in rete. Ancora l’attaccante di Gallipoli ci prova al 22′ ben imbeccato da Strambelli, il suo colpo di testa è debole. Il numero sette biancoazzurro al 39′ semina il panico sulla fascia destra e crossa a centro area, Louzada cicca clamorosamente a tu per tu con Sanchez. Nel finale di primo tempo goal annullato a Piccinni in semirovesciata, l’arbitro punisce una sua presunta carica su Sanchez. Nell’azione seguente D’Egidio è attentissimo e si distende bene sulla conclusione di Riverola. L’arbitro chiude la prima frazione sul risultato di 0-1.

IMGL4609La ripresa si apre senza cambi. Agnelli suona la carica per i suoi e ci prova con un paio di percussioni, neutralizzate dalla retroguardia ospite. Il capitano tuttavia è costretto a lasciare i suoi compagni in dieci uomini dopo l’espulsione rimediata al 52′ per somma di ammonizioni. Si ripropone il duello D’Egidio-Riverola al 55′, tra i due ha ancora la meglio il portiere biancoazzurro che respinge la conclusione del calciatore foggiano. Squillo di Louzada che calcia dopo una personale percussione, attento Sanchez che para. L’esterno offensivo brasiliano si infortuna ed è costretto ad uscire, al suo posto mister Auteri fa entrare Mattera per garantire maggior copertura. Il Matera controlla le incursioni del Foggia e va vicino al secondo goal con Casoli, ben servito da Carretta, che da solo davanti al portiere colpisce il palo. Ancora Riverola calcia in porta e, per l’ennesima volta, D’Egidio si distende e para. Davvero grande prestazione per il giovane portiere classe ’96 che, nell’occasione, si supera ancora e salva il risultato. Al 77′ secondo cambio tra le fila degli ospiti, esce Strambelli ed entra Negro. Il Matera nel finale, forte della superiorità numerica, prova a chiudere i conti con Scognamillo da fuori e Negro in contropiede. Da segnalare l’ingresso al minuto 89 di Saverio Dellino, classe ’99, provenienti dalla squadra “Berretti”, al posto dell’autore dell’unico goal che decide l’incontro, Mirko Carretta. Sui titoli di coda si accende una mischia in area di rigore materana che l’arbitro spegne con un rosso sventolato in faccia a Loiacono. Il Matera stacca il pass per i quarti di finale di Coppa Italia di Lega Pro contro il Taranto. Adesso testa al big-match di domenica contro la Juve Stabia, massima concentrazione per riprendere a marciare più forte di prima. AVANTI MATERA!!! GO MATERA GO!!!

IMGL4618

IMGL4632

IMGL4759

IMGL4768

IMGL4870