Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

MATERA: Lombardo, Pino, Bassini, Giorgino, Migliaccio, Calori, Orlando (35'st Tundo), Iannini, Girardi (13'st Oliveira), Lauria (25'st Todino), Majella.
All. Cosco

GROTTAGLIE: Maraglino, Papa, Russo (16'st Napolitano), D'Arcante, Carlucci, Danese, Manzella, Collocolo (33'pt Sanna), Formuso (27'st Fraschini), Faccini, Merico
All. Bosco

DSC 0071

La formazione iniziale contro il Grottaglie (foto Sandro Veglia)

CRONACA

Un Matera convincente ed a tratti straripante batte 4 a 2 il Grottaglie e mette alle spalle il deludente ko di Pozzuoli.
Mister Cosco opta per il 4-4-2 con Lombardo, preferito all'acciaccato Spilabotte, tra i pali, Migliaccio e Calori al centro della difesa supportati dagli under Pino e Bassini, Giorgino e Iannini a formare la diga di centrocampo, Orlando e Lauria sugli esterni, Majella e l'ariete Girardi in attacco.
L'avvio è devastante: dopo meno di un minuto Orlando recupera una gran palla e serve Girardi il cui tiro viene deviato. Ne nasce un corner sul quale si avventa Calori che di testa batte Maraglino.

VSD 9087

L'esultanza dei materani dopo l'1 a 0 di Calori (foto Sandro Veglia)

Il Matera è indiavolato e sfiora il gol in più occasioni, in particolare con Girardi che al 7' si fa respingere la conclusione da un difensore ospite, al 10' calcia clamorosamente a lato tutto solo davanti al portiere, al 15' si fa anticipare in extremis dopo il servizio di Lauria bravo a servirlo di testa dopo un gran cross dalla destra di Orlando. Al minuto 22 azione spettacolare dei materani: Iannini lancia Orlando che dalla destra lascia partire un cross di prima intenzione per il solito Girardi la cui imperiosa incornata sfiora il palo alla sinistra di Maraglino. Il Grottaglie si sveglia al 25, mettendo i brividi ai 2500 presenti: Formuso si ritrova tutto solo davanti a Lombardo, bravo l'estremo difensore a respingere il tiro dell'ex di turno. A dieci minuti dall'intervallo la mossa di Cosco, che cambia il match: Orlando e Lauria si scambiano la fascia di competenza e dopo pochi minuti è spettacolare l'assolo di Lauria che si accentra e serve Girardi, lento e macchinoso in area piccola. Il raddoppio è nell'aria e arriva puntuale al 46': cross dalla sinistra di Orlando, Majella stacca e batte Maraglino.

VSD 9235

Il 2 a 0 di Majella (foto Sandro Veglia)


La ripresa parte con il Matera ancora arrembante. Al 2' Orlando arriva in contro tempo sul cross dalla sinistra di Majella e manda alto ma al 4' i due si scambiano i ruoli e arriva il terzo gol: il cross è di Orlando, l'inzuccata vincente di bomber Majella.

VSD 9243

Rosario Majella, protagonista del match con due reti (foto Sandro Veglia)

Il 3-0 placa la furia agonistica biancoazzurra, così ecco venir fuori il Grottaglie. Al 7' Formuso approfitta di una corta respinta di Lombardo e firma l'1 a 3. I pugliesi prendono coraggio e al 10' è D'Arcante ad impensierire Lombardo che è ancora indeciso nella respinta. Al 12' Carlucci svetta su corner ma spedisce fuori, Cosco corre quindi ai ripari inserendo Oliveira per Girardi per dare più profondità alla fase offensiva. Anche questa mossa di Cosco si rivela vincente con il brasiliano già pericoloso al 18' quando semina il panico nella difesa ospite e serve Orlando il cui diagonale viene respinto da Maraglino. Al 21' il Matera chiude virtualmente il match: Oliveira si incunea in area e viene atterrato. Per l'arbitro è rigore, magistralmente realizzato dallo specialista Lauria.

VSD 9311

Lo specialista Lauria realizza il calcio di rigore del momentaneo 4 a 1 (foto Sandro Veglia)

Prima del novantesimo c'è tempo per il secondo gol ospite di Napolitano, che approfitta di una grave indecisione di Lombardo, per un rigore netto non fischiato a Orlando, per le azioni fallite da Todino al 31' e da Iannini allo scadere.
A fine gara applausi convinti per i ragazzi di Cosco, il Matera riparte di slancio dopo le giuste critiche piovute in settimana .

 

Fabio Venezia