Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Rubrica a cura di Francesco Salerno e Fabio Venezia

Grottaglie LogoIL CAMPIONATO - Dopo aver brindato al successo che ha finalmente consegnato la testa della classifica, il Matera è atteso da un appuntamento con un avversario che a dispetto della posizione in classifica risulta tra le squadre più in forma del girone H. Il Grottaglie di mister Pettinicchio è infatti reduce da cinque risultati utili consecutivi con cui i tarantini hanno messo in cassaforte la bellezza di tredici punti in cinque gare. Molto più che una boccata d'ossigeno per una squadra che in tutto il girone di andata ne aveva conquistati solo undici.

Nell'ultima partita Diego Albano e compagni hanno superato il Gelbison, la rivelazione di questa annata sportiva, interrompendo l'imbattibilità interna dei campani che durava da sette turni. A decidere il match è stata una vecchia conoscenza del Matera, Loris Formuso, che ha già messo a segno dieci reti in diciotto partite e proverà a mettere alla prova anche la difesa materana ovvero la migliore del campionato con sole sedici reti subite.

La partita di andata finì 4 a 2 per i lucani ma quello di domenica sarà un Grottaglie diverso con un nuovo tecnico, una nuova identità sul terreno di gioco e tanti rinforzi tra cui spiccano i due già citati ex Albano e Formuso. La vetta conquistata faticosamente dopo la lunga rincorsa al Marcianise non deve dare le vertigini agli uomini di Cosco: all' <<Atlantico D'Amuri>> non sarà una partita facile contro un avversario in forma e al quale qualunque risultato positivo, anche un pareggio, darebbe l'opportunità di agganciare Mariano Keller e Real Hyria fuori dalla zona play-out.

La partita sarà diretta dal Signomr Luca Detta di Mantova coadiuvato dagli assistenti Miccoli di Lanciano e D'Agostino di Teramo.

clicca qui per visualizzare i precedenti tra Grottaglie e Matera

LA SQUADRA - Senza dubbio una delle squadre più in palla del momento, il Grottaglie si presenta al gran completo in vista del big match di domenica prossima contro il Matera. Il tarantino Giacomo Pettinicchio, da Novembre sulla panchina biancoazzurra, ha infatti l'imbarazzo della scelta.

Tra i pali dovrebbe esserci Angelo Maraglino, 24enne l'anno scorso titolare a Taranto. Maraglino si è allenato a parte in settimana ma dovrebbe comunque recuperare per domenica.

Al centro della difesa Giovanbattista De Toma, nella passata stagione a Monopoli, farà coppia con il '94 Danese, due volte a segno sinora. Nel ruolo di terzino destro ci sarà il 20enne Botticini, ex Civitanovese, mentre a sinistra non ci sarà lo squalificato Vittorio Prete.

In mezzo al campo mister Pettinicchio potrebbe dare fiducia al marocchino El Kamch, al giovane Papa ed a Gnoni (questi ultimi due a Taranto nella passata stagione). Valide alternative il '95 Palmisano ed il '96 Carbone.

L'esperto Massimo Fumai, in passato a Trani e Taranto, sarà il fantasista in grado di innescare le due punte. Punte che saranno due vecchie conoscenze degli sportivi materani: Loris Formuso che a Matera ha giocato nel 2010/2011 in Seconda Divisione (un gol in 12 presenze) ed il materanissimo Diego Albano prelevato nella sessione invernale di calciomercato dal Brindisi.

LO STADIO -
Grottaglie-Matera si disputerà al Comunale “Atlantico D'Amuri”, impianto che prende il nome dall'aviere grottagliese Vincenzo D'Amuri, detto l'Atlantico per via di una famosa trasvolata passata alla storia.

La capienza totale dell'impianto è di 1800 posti: 1600 nella Tribuna Centrale, interamente coperta e altri 200 a costituire il settore ospiti nella zona opposta.

formuso
Loris Formuso in una fase di gioco della gara di andata