Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Gelbison: Carotenuto, Magliocca, Santonicola, Tricarico, Ruggieri (dal 59' Trimarco), Giordano, Aufiero (dal 52' Consiglio), Iorio, Grimaudo, Tedesco, Sica (dal 72' Camorani)
A disp.: Cimmino, Criscuolo, Iannelli, Passaro, Monzo, Abagnale
All.: Erra

Matera: Aprea, Pino, Bassini, Roselli, De Franco, Fernandez, Varsi (dal 57' Pagliarini), Marsili (dal 72' Letizia), Picci, Iannini, Orlando
A disp.: Spilabotte, Calori, Ciano, Barretta, Colucci, Sbardella, Dos Santos
All.: Cosco

Arbitro: Speranza di Mestre. Assistenti: Morlacchetti e Todisco.

Note: spettatori circa 500 (di cui 200 materani). Espulsi al 79' De Franco (M) e al 94' Tedesco (G) per doppia ammonizione.

Reti: al 18' Picci (rigore), al 71' Tedesco

(foto di Giuseppe Palladino, cronaca di Nicola Radogna)

DSC 0027

DSC 0004Per la legge dei grandi numeri, prima o poi il Matera doveva mancare all'appuntamento con la vittoria. Ed infatti l'undici di mister Cosco si è fermato a 7 vittorie consecutive, accontentandosi di un pareggio sul difficile campo di Vallo della Lucania contro il Gelbison, autentica bestia nera per i lucani (visti i precedenti sfavorevoli per i biancazzurri). La gara è stata avvincente, entrambe le squadre hanno avuto la possibilità di conquistarla. Un punto che tutto sommato può essere considerato un risultato positivo, vista anche la contemporanea sconfitta del Marcianise a San Severo che mantiene inalterata la distanza dalla seconda in classifica, che da domenica è il Taranto (vittorioso per 2-1 contro il Grottaglie). Dopo un primo tempo in cui il Matera ha dato l'impressione di poter controllare il vantaggio siglato su DSC 0036rigore da Picci, nella ripresa i biancazzurri hanno avuto più possibilità per chiudere il match. A quel punto, come spesso accade nel calcio, se si falliscono troppe occasioni da rete si viene puniti. Ecco spiegato il goal campano, su punizione, nel miglior momento per Fernandez e compagni. La successiva espulsione di De Franco ha rischiato di compromettere irrimediabilmente l'intera posta in palio, ma fortunatamente i campani non hanno saputo approfittare dei pericolosi contropiedi a cui i materani si sono esposti nel finale.

Mister Cosco deve fare a meno di Titone, infortunato, spazio agli under Varsi ed Orlando sulle fasce. Centrocampo roccioso con Roselli e Marsili, quest'ultimo recuperato da un leggero infortunio, a sostegno di Iannini, centrocampista avanzato, e di Picci, unica punta. Difesa a 4 con gli under Bassini e Pino sugli esterni, e coppia DSC 0043centrale formata da Fernandez e De Franco. In pota il neo-acquisto Aprea. Matera subito pericoloso in apertura di gara con Picci, al primo minuto la sua conclusione è alta di poco. Iannini ci prova due minuti più tardi, la sua conclusione è alta. Il Gelbison non si affaccia quasi mai dalle parti di Aprea, i biancazzurri tengono bene il campo. Al 18' il vantaggio del Matera è merito di Picci, abile a scattare sul filo del fuorigioco, anticipare il portiere, il quale cade rovinosamente su di lui. E' rigore ed ammonizione per l'estremo difensore campano. Si incarica del rigore lo stesso Picci che realizza. Vantaggio materano meritato. I ragazzi di mister Erra non riescono ad organizzare una reazione degna di nota, l'unica occasione di marca campana capita allo scadere della prima frazione. Grimaudo sfrutta una indecisione di Aprea in uscita e cerca di beffarlo con un pallonetto, la sfera finisce di poco a lato.

DSC 0044Nessun cambio nella ripresa, Tedesco su punizione al 7' dimostra di essere un giocatore dotato di buona tecnica. Il primo cambio per il Matera avviene al 12', fuori Varsi dentro Pagliarini. Il Matera inizia a costruire numerose palle goal, senza tuttavia concretizzarle. Iannini ha una ghiotta occasione al 13', il suo tiro è ben parato dal portiere di casa Carotenuto. Ancora Iannini sul successivo calcio d'angolo sfiora il palo con una splendida incornata. I biancazzurri non concretizzano e così arriva il pareggio di casa al 26'. De Franco commette fallo al limite dell'area di rigore, si incarica della battuta Tedesco che decide di calciare sul palo di Aprea. La palla si infila sotto il sette e così il Gelbison trova la rete del pareggio. Cosco sceglie di aumentare la pressione offensiva, inserendo Letizia per Marsili, ma i DSC 0048campani vanno vicini al raddoppio in più occasioni. Al 30', sugli sviluppi di un angolo, ancora Tedesco sfrutta una corta respinta di Orlando e di poco non trafigge Aprea per la seconda volta. L'espulsione di De Franco, giunta al 34' per somma di ammonizioni, potrebbe avere conseguenze fatali per i materani. I biancazzurri si sbilanciano pericolosamente in avanti, lasciando spazio a numerosi contropiedi non concretizzati per fortuna dagli attaccanti rossoblu. Ci prova il capitano Fernandez al 37' direttamente su calcio piazzato, Carotenuto fa buona guardia e respinge in angolo. 2 minuti più tardi il Matera rischia di capitolare con un destro pericolosissimo di Trimarico, palla che sfila di poco a lato. Il Matera tenta il tutto per tutto, e proprio allo scadere Fernandez cicca clamorosamente una palla DSC 0052scodellata al centro dell'area di rigore. Nel finale espulso l'autore del goal Tedesco per somma di ammonizioni, di cui la seconda rimediata per ostruzione ai danni del portiere Aprea.

Finisce così, la capolista Matera pareggia contro un buon Gelbison, che in più di un'occasione ha rischiato di aggiudicarsi l'intero bottino. Il pareggio è il risultato più giusto per due squadre che si sono date battaglia nell'arco dei 90 minuti.

Nelle altre partite, detto della vittoria del Taranto e della sconfitta roboante del Marcianise a San Severo, vince il Monopoli per 2 a 1 contro il fanalino di coda Gladiator, e si rifà sotto a soli 5 punti dalla capolista. Il prossimo avversario del Matera, cioè il Francavilla di mister Lazic, viene fermato in casa dal Mariano Keller sul risultato di 1-1. Vittoria della Turris per 2 a 0 contro il Real Vico, e del Brindisi, 1-0 contro il Real Metapontino.

DSC 0058

Classifica

MATERA 49
TARANTO 46
MARCIANISE 45
MONOSPOLIS 44
FRANCAVILLA 43
TURRIS 40
BRINDISI 38
GELBISON 33
MARIANO KELLER 32
BISCEGLIE 31
REAL VICO 28
MANFREDONIA 28
GROTTAGLIE 24
SAN SEVERO 24
REAL METAPONTINO 23
PUTEOLANA INTERNAPOLI 19
GLADIATOR 19