Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Taranto: Masserano, Viscuso, Prosperi, Riccio, Picascia, Muwana, Ciarcià, Caruso, Clemente, Molinari, Balistreri
A disp.: Marani, Miale, Vivacqua, Menicozzo, Carloto, Pulci, Mignogna, D’Angelo, Migoni
All.: Papagni

Matera: Bifulco, Sbardella, Bassini, Tundo, De Franco, Calori, Varsi, Marsili, Picci, Iannini, Carretta
A disp.: Aprea, Ciano, Letizia, Barretta, Roselli, Colucci, Pagliarini, Titone, Dos Santos
All.: Cosco

Arbitro: Andrea Capone di Palermo. Assistenti Pietro Guglielmi e Daniele Colizzi di Albano Laziale.

Rete: 16' st Molinari

Note: spettatori 8.000 circa, trasferta vietata per i sostenitori materani

(cronaca di Nicola Radogna, foto di Fabio Mitidieri)

mt6401Il Matera perde il big match della 29^ giornata contro il Taranto e si vede scippare via la prima posizione, a favore della mai doma Marcianise. La gara poteva essere sbloccata solo da un episodio, e così il bomber argentino Molinari regala ai suoi la possibilità di raggiungere i lucani al secondo posto. Al termine di una gara ben giocata da entrambe le formazioni, ai punti il Taranto ha sicuramente meritato la vittoria. Papagni aveva a disposizione un solo risultato su tre, cioè la vittoria, così ha schierato dal primo minuto il tridente composto da Clemente, Molinari e Balistreri per scardinare la retroguardia biancazzurra. Mister Cosco, dal canto suo, ha preferito affidarsi all'unica punta Picci adottando un atteggiamento più guardingo. Gli unici tre cambi rispetto alla vittoria di domenica scorsa contro il Monopoli sono stati Calori al posto dello squalificato Fernandez, Bassini al posto dello squalificato Pino e il rientrante Carretta al posto di Pagliarini. Mister Papagni, invece, ha dovuto fare i conti con gli squalificati Grieco e Caiazzo.

mt6413bisPronti via, ed è il Matera ad affacciarsi pericolosamente in avanti con una punizione dalla distanza di Iannini. La gara è combattuta, e nella prima metà del primo tempo le formazioni danno l'idea di avere più paura di perdere che voglia di vincere. Al 5' ancora Iannini, sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto da Marsili, incorna, la palla finisce di poco a lato. Al 10' il primo tiro del Taranto ad opera di Balistreri, di testa, che costringe Bifulco ad una parata in due tempi. 9 minuti più tardi Prosperi rischia l'autogoal, deviando pericolosamente un cross dalla sinistra, costringendo Masserano ad un super intervento. E' Caruso, al 21', ad andare vicino al goal con una conclusione che sibila di poco a lato. La gara è caratterizzata da rapidi capovolgimenti di fronte, così Iannini, ben innescato da Carretta, fa esplodere un destro che di poco non sorprende l'estremo difensore rossoblù.

mt6420copiaA metà primo tempo due cartellini gialli in rapida successione: Calori per il Matera e Molinari per il Taranto. Quest'ultimo, già diffidato, salterà la sfida esterna contro il Monopoli. Ancora Bifulco protagonista al 29' su tiro di Clemente, il portiere abruzzese spedisce in angolo. 3 minuti più tardi è De Franco, su calcio d'angolo, a sfiorare il goal con un'incornata di testa. Il Matera ribatte colpo su colpo alle sortite tarantine. Ma al 33' i materani tremano sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto dallo specialista Clemente: la palla colpisce l'incrocio dei pali e termina fuori. Il Taranto aumenta la pressione e si fa più volte pericoloso davanti a Bifulco. In più occasioni si verificano mischie pericolose nell'area piccola biancazzurra sbrogliate dai difensori di mister Cosco. Primo tempo combattuto, ma tutto sommato equilibrato. Meglio il Taranto solo nel finale.

mt6448Nella ripresa Cosco cerca una maggiore spinta sulla fascia, inserendo Pagliarini al posto di Varsi. E' subito Bifulco ad essere chiamato in causa su di un gran colpo di tacco di Balistreri. Ancora Bifulco protagonista al 3' su tiro di Ciarcià. Il tecnico dei materani vede che il rientrante Carretta non ha più benzina in corpo, così decide di sostituirlo al 5' con Letizia, risultato uno dei migliori della sua squadra. Ancora un'ammonizione pesante tra le fila tarantine, a farne le spese è Clemente è anche lui salterà la gara contro il Monopoli. Al 16' l'episodio che indirizza il match in favore dei padroni di casa. Picascia disegna su calcio d'angolo una traiettoria tagliata su cui il rapace Molinari ne approfitta, beffando la retroguardia materana sul primo palo. Incontenibile l'esultanza dei circa 8.000 supporters rossoblù presenti sugli spalti. Papagni decide di coprirsi sostituiendo Mignogna con Molinari. Dopo l'infortunio accorso all'assistente dell'arbitro, il Taranto sfiora il raddoppio al 26' con Clemente. Al 27' Picci segna a gioco fermo, inutili le proteste della punta barese. Al 30' anche Ciarcià finisce sul taccuino dell'arbitro, e anche per lui scatterà la squalifica in vista del prossimo incontro. Da questo momento inizia il forcing finale del Matera, a cominciare dall'autogoal sfiorato da Pulci al 32'. Al 35' è Picci a rendersi pericoloso con un pallonetto velenosissimo che di poco non sorprende Masserano. Terzo cambio per i biancazzurri, mister Cosco decide di dare ancora più spinta sulla fascia inserendo Titone al posto di Marsili. L'assalto finale non produce frutti, Matera che esce sconfitto dallo stadio Iacovone di Taranto.

mt6465E' una sconfitta che sicuramente inciderà sul morale di tutta la piazza materana. Ma osservando questo pazzo girone H non bisogna perdersi d'animo. Ogni giornata è caratterizzata da pericolosi ribaltoni. Solo chi riuscirà a mantenere i nervi saldi vincerà il campionato.

Il Matera esce sconfitto dallo Iacovone di Taranto, si è detto. Adesso gli uomini di Cosco adesso non potranno far altro che vincere a Marcianise, cercando un ennesimo ribaltone in testa. Marcianise vittorioso in casa contro il Gladiator per 3 reti a 0, adesso a +2 sull'accoppiata Matera-Taranto. Si rifanno sotto il Monopoli, dopo aver sconfitto il Francavilla per 1-0, e la Turris, corsara a Bisceglie per 1 a 0. Segue il Brindisi, 2-1 fuori casa contro il Mariano Keller. Negli scontri salvezza, importantissima vittoria del Real Metapontino sul Grottaglie per 1-0, pareggio per 2-2 tra Real Vico Equense e Puteolana, e tonfo in casa del Manfredonia, sconfitto dal San Severo per 1-2.

Risultati 29^:

BISCEGLIE - TURRIS 0-1 (21’ rig. Sibilli)

MARIANO KELLER – BRINDISI 1-2 (12’ Tarascio, 57’ Ancora, 87’ Gambino)

MONOSPOLIS – FRANCAVILLA 1-0 (22’ Montaldi)

MARCIANISE – GLADIATOR 3-0 (20’ Citro, 42’ Allegretta, 48’ Allegretta)

REAL METAPONTINO – GROTTAGLIE 1-0 (Di Senso)

REAL VICO EQUENSE – PUTEOLANA 2-2 (31’ Pastore, 46’ Iovene, 75’ Salvati, 86’ Di Ruocco)

TARANTO – MATERA 1-0 (60’ Molinari)

(Inizio ore 16.00)
MANFREDONIA – SAN SEVERO 1-2 (12’ La Porta, 26’ Mastrangelo, 33’ Follera)

Riposa: GELBISON

mt6466Classifica:

PROGREDITUR MARCIANISE 54
MATERA 52
TARANTO 52
MONOPOLI 50
FRANCAVILLA 49
TURRIS 49
BRINDISI 45
GELBISON 36
BISCEGLIE 34
MARIANO KELLER 32
REAL VICO EQUENSE 32
SAN SEVERO 32
MANFREDONIA 28
REAL METAPONTINO 26
GROTTAGLIE 24
PUTEOLANA INTERNAPOLI 23
GLADIATOR 19

mt6679Prossimo turno 30^ giornata:

BRINDISI - BISCEGLIE
FRANCAVILLA -TURRIS
GELBISON - MARCIANISE
MONOSPOLIS - TARANTO
PUTEOLANA - MANFREDONIA
SAN SEVERO - MARIANO KELLER
GLADIATOR - REAL METAPONTINO

RIPOSA: MATERA