Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

A cura di Francesco Salerno, Fabio Venezia e Nicola Salerno

downloadGLI AVVERSARI - Alla vigilia in pochi avrebbero scommesso su un avvio di stagione così esaltante da parte della matricola Lupa Roma, all'esordio assoluto tra i professionisti. Dopo cinque giornate i capitolini occupano infatti il secondo posto in graduatoria in coabitazione con il Benevento a quota undici punti, due in meno della capolista Salernitana. Tre successi (con Lecce e Paganese tra le mura amiche, con il Cosenza in trasferta) e due pareggi (a Messina ed in casa contro il Benevento mercoledì scorso) rappresentano un invidiabile biglietto da visita per la squadra guidata in panchina dal riconfermato Alessandro Cucciari. Un allenatore giovane ed ambizioso che predilige un calcio veloce e votato all'attacco.
Tra i pali si giocano un posto da titolare Francesco Rossi, prodotto del vivaio atalantino prelevato in estate dal Pavia, e Andrea Rossini, cinque presenze l'anno scorso in B a Cesena.
Per il ruolo di terzino destro in pole Danilo Pasqualoni, classe 1994 tra i protagonisti della promozione dalla D, a sinistra Alessandro Celli, anch'egli riconfermato. Dovrebbe partire dalla panchina Daniele Frabotta, nella passata stagione a Frosinone in Prima Divisione. Al centro della difesa peserà non poco l'assenza di Diego Conson, espulso contro il Benevento, mentre ci sarà Pietro Cascone, ex Ischia e Melfi, autore del gol del pareggio mercoledì.

VSD 5428
Varsi e Pagliarini in azione contro la Lupa Roma nella gara di poule scudetto dello scorso campionato. 

In mezzo al campo Cucciari dovrebbe optare per il regista Paolo Capodaglio, Lorenzo Cerrai e Felice Prevete, in passato anche a Potenza, Cava e Aversa. Qualche chance per Davide Raffaello, autore di otto gol nella passata stagione.
In attacco i giocatori di maggior spessore sono sicuramente Stefano Tajarol, bomber di razza già a segno due volte quest'anno, e l'esterno sinistro Giampietro Perrulli, in B a Vicenza ed Ascoli qualche anno fa. A destra dovrebbe sistemarsi Marco Moras, proveniente dal settore giovanile dell'Udinese.
Una squadra solida, compatta che ha nei numerosi riconfermati il punto di forza. Mancherà Conson al centro della difesa ma Cucciari saprà comunque mandare in campo un undici che farà di tutto per mantenere l'imbattibilità e continuare a stupire.

 

SUGLI SPALTI - Contrariamente a quanto accadeva con le passate sorelle minori della capitale, Atletico Roma e sopratutto Lodigiani, non esistono tifosi organizzati della Lupa Roma. Lo spostamento della società da Frascati a Roma avvenuto nel 2013 e lo stesso vessillo del club, rappresentante contemporaneamente gli emblemi e i colori della Roma e della Lazio, rendono difficile l’esistenza di una tifoseria organizzata a sostegno di questa nuova realtà.

 DSC 0069
 Premiazione del Matera per la vittoria del campionato di serie D 2013-14 prima della partita contro la Lupa Roma.

 

I PRECEDENTI - di seguito è elencato il tabellino completo dell’unico precedente disputato in casa contro la Lupa Roma.

Stagione 2013-14 – Poule scudetto serie D – primo turno

Matera – Lupa Roma 1-1

Matera: Aprea (46’ Lombardo), Sbardella, Pino, Marsili, Calori, Ciano, Varsi (81’ Colucci), Iannini, Picci, Carretta, Pagliarini (46’ Letizia). All. Cosco. A disp.: De Franco, Roselli, Bassini, Titone, Barretta, Dos Santos.

Lupa Roma: Di Loreti, Pasqualoni, Celli, Capodaglio, Bova, Sentinelli, Leccese, Raffaello, Tajarol (67’ Masciantonio), Perrulli (78’ Luciani), Cerrai (63’ Crescenzo). All. Cucciari. A disp.: Di Filippo, Forti, Campobasso, Scibilia, Chiesa, Morini.

Marcatori: 48’ Sentinelli rig. (L), 79’ Iannini (M)