Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Matera - Lupa Roma 3-1

DSC 0137

VSD 7567Matera: Baiocco, Bernardi, Mucciante, De Franco, D’Aiello, Coletti, Guerra, Iannini, Letizia, Madonia, Gotti
A disp.: Bifulco, Pino, Faisca, Pagliarini, Di Noia, Albadoro, Cuffa.
All.: Auteri


Lupa Roma: Rossini, Frabotta, Celli, Capodaglio, Pasqualoni, Cascone, Prevete, Cerrai, Tajarol, Perrulli, Testardi
A disp.: Rossi, Lazazzera, Faccini, Santarelli, Ferrari, Scibilia, Malatesta
All.: Cucciari


Arbitro: Niccolo’ Baroni di Firenze. Assistenti: Domenico Campitelli di Termoli e Manuel Giuliani di Teramo

Reti: 12' pt Iannini, 40' pt Mucciante, 29' st Madonia, 40' st Malatesta (L)

Note: spettatori 6.000 (nessuno ospite)

 

(cronaca a cura di Nicola Radogna, fotografie di Sando Veglia)

VSD 7620Tre. Tre come i goal che quest'oggi hanno consentito al Matera di battere la temibile Lupa Roma ed inanellare la vittoria consecutiva numero tre. Tre come la posizione occupata attualmente dai biancoazzurri (che sarebbe seconda considerato il primato condiviso da Salernitana e Benevento).

Il Matera batte meritatamente la Lupa Roma. Prestazione positiva in cui la difesa bunker ha concesso solo nel finale il goal della bandiera agli ospiti. Matera superiore anche a centrocampo, oltre alla coppia centrale molto bene anche gli esterni Gotti-Bernardi. In avanti da segnalare la grande prova di Madonia che sembra stia trovando la giusta condizione.
Se quella di oggi era una prova di maturità, non possiamo che promuovere i biancazzurri a pieni voti.

VSD 7813Mister Auteri schiera dal primo minuto gli stessi eroi di Catanzaro e Messina. Dall'altra parte il pericolo maggiore è composto dal tandem Perrulli-Tajarol.
La prima fase del match è di studio, le due squadre non si sbilanciano. Gli esterni biancoazzurri Gotti e Bernardi sembrano in forma, le numerose sortite offensive creano più di qualche grattacapo alla retroguardia capitolina. Al minuto 12 il vantaggio dei padroni di casa. Letizia si incarica della battuta di un calcio d'angolo e scodella una palla insidiosa a centro area, De Franco colpisce di testa e Iannini approfitta di una non trattenuta del portiere ospite Rossini. Sulle ali dell'entusiasmo i materani spingono, ma la Lupa Roma è sempre insidiosa con Perrulli sempre pronto ad innescare gli attaccanti con degli assist al bacio, in tutte le circostanze l'estremo difensore di casa Baiocco si fa trovare pronto e blocca la sfera. Al 21' Guerra cincischia troppo in area e perde l'attimo da buona posizione, mentre 3 minuti più tardi è Madonia a sparare altissimo sopra la traversa. Ancora Madonia, al 26', ben lanciato a rete da Letizia, si fa chiudere lo specchio dalla difesa ospite. La partita è molto combattuta a centrocampo, si vola così al 40esimo. Madonia lanciato a rete finta verso l'esterno, rientra sul sinistro ed il suo tiro è parato e messo in angolo da Rossini. Sul seguente calcio d'angolo il Matera trova il raddoppio. Batti e ribatti in area, la palla giunge a Mucciante che dal limite dell'area lascia partire una rasoiata che si insacca in rete. Il Matera chiude così la prima frazione sul punteggio di 2 a 0.

VSD 8076Nella ripresa il copione non cambia. Gli esterni materani in grande spolvero mettono in seria difficoltà la retroguardia romana. Mucciante dopo 8 minuti si becca un cartellino giallo che lo costringerà a saltare la prossima difficile trasferta di Caserta. Buona intesa Letizia-Guerra un minuto più tardi, quest'ultimo lascia partire una puntata che viene deviata dal portiere in angolo. La Lupa Roma si sbilancia in avanti alla ricerca del goal che possa riaccendere le speranze, il Matera ha a disposizione numerosi contropiedi per chiudere il match. Tuttavia il tridente Madonia-Guerra-Letizia nella prima mezz'ora produce solo un contropiede pericoloso. Si giunge così al minuto 29. Madonia da posizione defilata si accentra, salta un avversario e dai 20 metri effettua un tiro angolato imprendibile per Rossini. 3 a 0 Matera e pratica chiusa. Esce Letizia ed entra il match winner di Catanzaro, Giovanni Di Noia. Dopo l'ennesimo atterramento in area, non segnalato dall'arbitro, Auteri protesta troppo veementemente e viene allontanato dal direttore di gara. Sul finire di partita c'è giusto il tempo per il goal della Lupa Roma con Malatesta, abile a sfruttare una percussione avviata da Testini.

ZSC 0154Finisce così, Matera batte Lupa Roma e si affaccia nei piani alti della classifica, al secondo posto solitario. La posizione in classifica, seppur non pronosticabile ad inizio campionato, non è affatto casuale. Bensì essa è frutto del bel gioco messo in pratica da mister Auteri e dai suoi uomini. A poco a poco anche i giocatori che nella prima parte di campionato sembravano faticare maggiormente stanno trovando la giusta condizione. Ci riferiamo agli esterni Gotti e Bernardi, apparsi oggi infaticabili, ed a Madonia, oggi autore di tante giocate e una rete da applausi. Ancora leggermente in ombra Guerra, ma abbiamo fiducia in lui come nelle scelte del mister.
Terza vittoria consecutiva che consente ai tifosi di iniziare a sognare. Dopo questa prova di maturità, alle porte l'ennesima difficilissima sfida venerdì prossimo fuori casa contro la Casertana.

VSD 7816

VSD 7819

VSD 8078

VSD 8082

VSD 8088

ZSC 0162