Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Casertana - Matera 1 - 0

Reti: 46' Cissè

CASERTANA: Fumagalli; Bruno, Idda, Murolo, Bianco, Carrus, Marano, Antonazzo Mancosu, Alessandro, Cissè

A disp. D’Agostino, D’Alterio, Mattera, Rajcic, De Marco, Cunzi, Diakitè

All.: Gregucci

MATERA: Baiocco, De Franco, Mucciante, D’Aiello, Gotti, Iannini, Coletti, Bernardi, Guerra, Letizia, Madonia

A disp: Bifulco, Faisca, Cuffa, Di Noia, Albadoro, Pagliarini, Gallozzi

All.: Cassia

NOTE: Ammoniti: Gotti, Coletti, D'Aiello (M), De Marco, Fumagalli, Bianco (C). Spettatori: 4000, con 80 materani.

(cronaca di Francesco Rondinone)

 

C'è sempre una prima volta ed anche quest'anno è arrivata la prima sconfitta. Il Matera esce battuto di misura dal "Pinto" di Caserta con una rete subita a 25'' dall'inizio della ripresa: discesa sulla destra del N. 9 rossoblu, palla al centro e rete di Cissè, con l'amarezza per Baiocco di essere riuscito ad arrivarci ma non aver avuto abbastanza forza per evitare il goal dei padroni di casa.

Primo tempo tutto sommato equilibrato, con il primo quarto d'ora di marca campana che vede i rossoblu di casa andare ad insidiare la porta materana con un paio di tiri dal limite dell'area. Poi sale in cattedra il Matera che crea molto sulle fasce, non riuscendo tuttavia ad essere incisivo in fase di realizzazione con dei cross che potevano essere indirizzati meglio e delle rovesciate in area. Sul finire della prima frazione di gara i biancazzurri riescono ad essere un pò più concreti grazie a due tiri insidiosi di Coletti dal limite dell'area ed un paio di incursioni di Madonia.

Il secondo tempo inizia subito con la doccia fredda: Cissè gela il pubblico materano con un destro che raccoglie l'assist del compagno dalla fascia destra. Nonostante ciò il Matera reagisce ed è molto sfortunato quando colpisce una traversa con Madonia, il quale sfugge agli avversari sulla sinistra e mette in mezzo un tiro/cross che si stampa sul palo più alto; successivamente è Iannini di testa che, sugli sviluppi di un calcio d'angolo battuto da Madonia, costringe al miracolo l'estremo difensore Fumagalli. Gli attacchi materani causano alcuni contropiedi da parte della Casertana, i quali fortunatamente non vengono sfruttati a dovere dai falchetti. Sul finale di gara, dopo aver inserito Di Noia per Gotti, Albadoro per Guerra e Bustamante per Bernardi, il Matera cerca con tutti gli sforzi di agguantare il pareggio ed è clamorosa l'occasione che capita sui piedi del piccolo cileno Bustamante, che viene servito sulla destra, entra in area e calcia malamente con il destro. Dopo pochi minuti l'arbitro decreta la fine del match, dove il Matera perde ma non sfigura affatto, con una sconfitta che forse riporta sulla terra tutti coloro che avevano sognato fin'ora, ricordando loro che il vero obiettivo è la salvezza.