Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

A cura di Fabio Venezia, Francesco Salerno e Nicola Salerno

Clicca qui per leggere la cronaca della gara di andata

Clicca qui per guardare la fotogallery della gara di andata

logo regginaGLI AVVERSARI - A dir poco disastrosa sinora la stagione della Reggina, mai così in basso nella sua storia recente. Per la società presieduta da Lillo Foti oltre agli scarsi risultati conseguiti sul campo anche i non pochi problemi economici e quelli con la Giustizia Sportiva che ha sanzionato gli amaranto con cinque punti di penalizzazione (quattro dei quali successivamente restituiti) e che proprio in settimana ha deferito i calabresi (deferimento cui potrebbe seguire un ulteriore -2).

Penultimo posto in solitaria a quota 19 punti, frutto di quattro vittorie, otto pareggi e quattordici sconfitte per i reggini che prima del pesante 0-2 subito domenica scorsa a Cosenza avevano comunque conquistato in sette gare quattro pareggi, due successi (in casa con Martina e Lecce) ed un solo KO a Messina nel derby dello Stretto. In sede di mercato Lillo Foti ha puntato sul ritorno a casa degli ex amaranto Belardi, Cirillo e Aronica e su giocatori di qualità come Gallozzi, poco più di 200 minuti giocati con la maglia del Matera quest'anno, sperando di risalire la china e di riaccendere l'entusiasmo in una piazza sempre più scettica e rassegnata. Novità anche in panchina, sulla quale da inizio Dicembre siede l'ex allenatore del Bari Roberto Alberti, subentrato a Tortelli che a sua volta aveva sostituito il dimissionario Ciccio Cozza.

Nel suo classico 4-1-4-1 il tecnico reggino dovrebbe puntare, tra i pali, sull'esperienza di Domenico Belardi, 37enne tesserato a Gennaio dopo che l'ex Napoli, Udinese e Juventus aveva cominciato la stagione in India. Solamente panchina per il più giovane ungherese Adam Kovacsik, titolare nel girone di andata. Difesa a quattro con Gaetano Ungaro o in alternativa Amedeo Benedetti a destra, Giovanni Di Lorenzo a sinistra mentre al centro scontata la presenza del 37enne ex Inter e Siena Bruno Cirillo al cui fianco non ci sarà però lo squalificato Salvatore Aronica.

Regista basso il 22enne sloveno Urban Zibert, tesserato meno di un mese fa. In mezzo al campo Alberti dovrebbe optare per la coppia formata Giuseppe Maimone e Marco Armellino, con Simone Masini e Marco Gallozzi lungo le corsie esterne. Fuori squadra il gioiello Jacopo Dall'Oglio, da tempo oggetto del desiderio del presidente Columella. In avanti difficilmente il tecnico reggino getterà nella mischia dall'inizio il bomber Roberto Insigne, a lungo fuori squadra, il calabrese doc Alessio Viola, il brasiliano Louzada o il 39enne David Di Michele. Dovrebbe quindi essere l'ex attaccante del Taranto Pietro Balistreri il principale indiziato a vestire la maglia numero 9.

LO STADIO - Come diversi altri impianti del Girone, anche il Granillo di Reggio Calabria ha ospitato fino a poche stagioni addietro incontri della massima serie, risultando uno degli stadi più apprezzabili sul piano estetico in virtù soprattutto del suo stile all’inglese con pianta rettangolare e vicinanza tra spettatori e terreno di gioco.

Inoltre con i suoi 27.543 posti è uno dei più capienti stadi della Lega Pro, precisamente si piazza al quarto posto in questa speciale graduatoria dopo quelli di Messina, Lecce e Salerno, tutti nel girone meridionale della categoria.

L’impianto ha cambiato diverse volte denominazione e stile. Precedentemente infatti, era conosciuto come Comunale e fino al 1997 si presentava con una pianta ovale e una pista di atletica. Dopo i lavori del 1999 assunse le sembianze attuali e la denominazione di Oreste Granillo in memoria dell’ex sindaco di Reggio Calabria e presidente sotto la cui guida il club amaranto approdò in serie B per la prima volta.

L’intero stadio è diviso in quattro tribune non continuative di cui solo una, quella centrale, è dotata di copertura. 

I PRECEDENTI - di seguito sono elencati i tabellini completi di tutti i precedenti di campionato disputati in trasferta contro la Reggina. Una vittoria, un pareggio e cinque sconfitte il bilancio del Matera in casa reggina.

Stagione 1953-54 – Campionato di IV Serie - 3ª giornata – 11.10.1953

Reggina – Matera 0-2

Reggina: Zini, Belli, Crea, Meini, Apolloni, Scarlattei, Fazi, Gatto, Geraci, Piacentini, Panella. All. Dolfin

Matera: Manzin, Perentin, Virgulin, Colussi, Glereani, Candussi, Zanutel, Morandi, Tolloi, Perucci, Zanolla. All. Riparbelli

Marcatori: 40' Morandi, 55' Zanutel

Stagione 1974-75 – Campionato di Serie C - 34ª giornata – 18.5.1975

Reggina – Matera 1-0

Reggina: Castellini, Spadaro, D'Astoli, Poppi, Scoppa, Balestro, Tripodi, Pianca, Tivelli, Campagna, Magara (71' De Rose). All. Regalia

Matera: Casiraghi, Germinario, Vellani, Monaldi (39' Chisena), Mamilovich, Rota, Galati, Gambini, Toffanin, Raimondi, Stellone. All. Salar

Marcatori: 13' Campagna

Stagione 1976-77 – Campionato di Serie C - 16ª giornata – 2.1.1977

Reggina – Matera 2-0

  1977-78 reggina-matera
  Campionato 1977-78: Azione di attacco della Reggina.

Reggina: Castellini, Olivotto, D'Astoli, Belluzzi, Spada, Spinelli, Snidero, Gatti, Pianca, Manzin, Bardelli (65’ Toscano). All. Facchin

Matera: Casiraghi, Generoso, De Canio, Zurlini, Petruzzelli, Gambini, Picat Re, Sassanelli, Aprile, Righi, Chimenti. All. Zurlini

Marcatori: 24' D'Astoli, 50' Belluzzi

Stagione 1977-78 – Campionato di Serie C - 35ª giornata – 21.5.1978

Reggina – Matera 1-0

Reggina: Tortora, Olivotto, D'Astoli, Missiroli, Spadaro, Reggiani, Snidero, Pianca, Labbellarte, Gatti, Raffa. All. Sbano

Matera: Casiraghi, Generoso, Coppola, Angelino, Petruzzelli (46' Imborgia), Gambini, Picat Re, Quinto, Pavese, Giannattasio, Carella. All. Dibenedetto

Marcatori: 87' Pianca

  azione reggina-matera 78
  Campionato 1978-79: Casiraghi esce sull'accorrente Ferri e blocca l'attacco avversario.

Stagione 1978-79 – Campionato di Serie C1 - 30ª giornata – 13.5.1979

Reggina – Matera 2-0

Reggina: Tortora, Olivotto, Battiston, Truddaiu (65' Ferri), Scoppa, Spinelli, Pianca, Pelle, Bortot, Benatti, Caruso. All. Sbano

Matera: Casiraghi, Generoso, De Canio, Angelino, Quinto (75' Raffaele), Gambini, Picat Re, Sassanelli, Aprile, Morello, Pavese. All. Dibenedetto

Marcatori: 70' Bortot, 80' aut. De Canio

Stagione 1980-81 – Campionato di Serie C1 - 7ª giornata – 9.11.1980

Reggina – Matera 1-0

Reggina: Navazzotti, Carlà, Beretta, Snidaro, Matà, Marchi (67' Tomba), Spinella, Re, Piras, Scarrone, Basilico (82' Tortora). All. Buffoni

Matera: Casiraghi, Generoso, Raise (36' Pavese), Bussalino, Imborgia, Genovese, Grassi, Giannattasio, Aprile (18' Melis), Gambini, Raffaele. All. Rambone

Marcatori: 86' Tortora

Stagione 1993-94 – Campionato di Serie C1 - 26ª giornata – 27.3.1994

Reggina – Matera 0-0

Reggina: Merlo, Gioffrè, Poli, Vincioni (46' Guernier), Cevoli, Parpiglia, Giachetta (63' Rassu), Mariotto, Belmonte, Carrara, Mollica. All. Ferrari

Matera: Bruno, Italia, Marino, Landonio, Deruggiero, Cicchetti, Callegari, De Rosa, Bartolelli (66' Bressi), D'Ermilio, Tatti (86' Bitetto). All. Dibenedetto