Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

franco mancini matera 1Sono passati quattro anni da quando il 30 marzo del 2012 Franco Mancini fu colpito da un infarto mentre si trovava nella sua casa di Pescara e morì prematuramente, lasciando sbigottiti tutti coloro che lo avevano conosciuto e amato. Da allora, nei luoghi dove aveva giocato ed era stato apprezzato, sono sorte tante iniziative per ricordarlo e rendergli omaggio, ed in particolare le tifoserie delle due città per lui più importanti sono state da quel momento unite da un sottile filo comune; Matera, la città dove è nato ed ha mosso i suoi primi passi calcistici, e Foggia, la città dove ha giocato per sette stagioni che lo ha consacrato ai vertici del calcio nazionale.

I gruppi ultras della curva nord foggiana e della sud materana da due anni si incontrano nelle rispettive città per dar vita a tornei amichevoli di calcetto in memoria di Franco, alla presenza dei suoi familiari.

  torneo mancini
  Ultras materani e foggiani in ricordo di Franco

 

Di lui ricordiamo la sua passione per la batteria ed il reggae, le sue presenze tra i tifosi più accesi del Matera in quella gradinata che oggi porta il suo nome, il suo debutto tra i professionisti quando era appena diciassettenne, ed il volo verso la serie A dove fu uno dei più grandi interpreti della filosofia calcistica zemaniana; in quel Foggia ribattezzato Zemanlandia Franco era il numero 1, ed anche la curva nord dello Zaccheria è oggi intitolata a lui. Oltre a Matera e Foggia, Franco è stato protagonista molto amato anche in altre grandi piazze calcistiche, citiamo su tutte Bari e Napoli che sono altre due grandi squadre del Sud dove militò complessivamente per sei stagioni. Oltre a tutto ciò, di lui ricorderemo sempre il suo sorriso, la sua spontaneità e la sua genuinità, che lo hanno fatto davvero amare come uomo prima ancora che come calciatore.

 

  striscione mancini 2016
  Lo striscione esposto oggi a Matera

E' per questo che l'unico a cui è stata dedicata espressamente una strofa dell'inno «Dietro gli scaloni», oltre al presidente Franco Salerno, è proprio il portierone Franco Mancini: «Il reggae suonavi, tra i pali volavi, il numero 1 sulla maglia e poi, da serie A la tua umiltà FRANCO MANCINI UNO DI NOI». Ed è per questo che oggi, come ogni anno, anche gli Ultras del Matera hanno voluto rendergli omaggio con un grande striscione con la scritta: «Con le mani alzate al cielo tutti insieme canteremo... Onoriamo Franco Mancini».

 

torneo mancini maglie