Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Siracusa – Matera 2-1

 MG 0873Reti: 18′ st Iannini (M), 19′ st e 25′ st Catania (S)

Siracusa (4-3-3): Santurro, Dentice, Diakitè, Turati, Brumat, Sciannamè, Giordano, Spinelli, Scardina, Cassini, Catania

A disp.: Serenari, Baiocco, Longoni, De Respinis, Dezai, De Vita, Talamo, Degrassi, Palermo, Pirrello, Toscano

All.: Sottil

Matera (3-4-3): Bifulco, Ingrosso, De Franco, Piccinni, Di Lorenzo, Iannini, Armellino, Casoli, Carretta, Negro, Strambelli

A disp.: D’Egidio, Scognamillo, De Rose, Louzada, Meola, Papini, Sartore, Gigli

All.: Auteri

 MG 0864Arbitro: Pierantonio Perotti della sez. di Legnano, coadiuvato dai Sig. Mattia Scarpa di Reggio Emilia e Ruben Liberato Angotti di Lamezia Terme.

Note: bellissima giornata a Siracusa, clima estivo. Spettatori 2.000 circa con 40 provenienti da Matera.

Cronaca di Nicola Radogna, fotografie di Simona Amato

Amara sconfitta del Matera in terra siciliana, la squadra di Auteri soccombe per la prima volta nel campionato a favore di un determinato e convinto, seppur modesto tecnicamente, Siracusa che, di contro, conquista la sua prima vittoria stagionale ed abbandona il penultimo posto in classifica. Lucani padroni del campo nel primo tempo ma il numero di occasioni da rete risulta essere sostanzialmente in parità. Nella ripresa materani che trovano la rete del vantaggio con capitan Iannini di testa, assist di Strambelli, ma poi vacillano in difesa, staccano la spina e subiscono il micidiale sorpasso del Siracusa firmato Catania. A bocce ferme la disfatta, meritata per come è maturata, mette in risalto tutte le lacune della squadra di Auteri, accentuate dagli infortuni o dalla scarsa forma di alcuni uomini chiave.

 MG 1060Mister Auteri deve fare i conti con gli infortuni di Mattera ed Infantino, rimediati nella precedente giornata di campionato contro il Foggia. Il tecnico di Florìdia ritrova Papini, per la prima volta quest’anno convocato per una gara di campionato, e Carretta, schierato dal primo minuto esterno offensivo in un ritrovato 3-4-3. In porta confermato Marino Bifulco, difesa a tre composta da Ingrosso, Piccinni e De Franco centrale. Centrocampo con capitan Iannini ed Armellino centrali, sulle corsie esterne Di Lorenzo a destra e Casoli a sinistra. In avanti tridente composto da Negro, Carretta e Strambelli. Nelle battute iniziali il Matera costringe gli avversari a rintanarsi nella propria metà campo. La prima occasione è firmata da Negro al minuto 2′, il suo destro finisce di poco a lato. Siracusa che si dimostra comunque pericoloso con un tridente spregiudicato messo in campo da mister Sottil, la retroguardia biancoazzurra almeno nel primo tempo dimostra di saper tenere testa. Al 15′ ospiti che colpiscono la parte esterna dell’incrocio dei pali con un colpo di testa di Casoli sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La manovra del Matera è elaborata, i centrali di centrocampo riescono a cambiare gioco con estrema facilità, tuttavia il buon palleggio non trova riscontro in occasioni da goal. Al 20′ è Strambelli a provarci al volo dopo un cross di Carretta. Matera che non riesce a sfondare, la maggior parte dei tentativi arrivano con tiri da fuori: è il caso di Armellino alla mezz’ora, il cui destro da oltre trenta metri finisce di pochissimo fuori. Il match di Emanuele Catania comincia al 32′, il calciatore del Siracusa converge al centro evitando Piccinni e De Franco e conclude a rete, la palla finisce di poco alto. Ancora padroni di casa protagonisti nel finale del primo tempo, Cassini si libera in area piccola e, da buonissima posizione, calcia a rete trovando la pronta respinta di Bifulco. Nei minuti finali della prima frazione si registra un’occasionissima del Matera costruita in contropiede, Strambelli effettua un lancio millimetrico per Negro che la mette al centro, il tiro in corsa di Carretta è parato dall’estremo difensore Santurro. Il primo tempo si chiude a reti bianche.

 MG 0887Nell’intervallo i rispettivi allenatori non effettuano nessun cambio. La ripresa si apre subito con un brivido per mister Sottil nei primissimi minuti, il calcio piazzato di Strambelli attraversa tutta l’area di rigore senza trovare deviazioni degli ospiti. La retroguardia materana mostra i primi segnali di cedimento, soffrendo le incursioni del centrocampista Catania. E’ suo il tiro che mette in difficoltà Bifulco al 12′, pronta respinta del numero uno del Matera. Ospiti che passano in vantaggio al 18′: cambio di gioco e la sfera arriva a Strambelli, il cross è perfetto, così come l’incursione centrale di Iannini che batte di testa il portiere avverario. Esultano i 40 sostenitori materani che hanno raggiunto il capoluogo siciliano. Neanche il tempo di godere del goal che arriva il pareggio del Siracusa un minuto più tardi: lo scambio sull’out destro sorprende Di Lorenzo e Iannini, il cross di Palermo trova impreparato a centro area De Franco che si lascia sfuggire Catania che, di testa, infila Bifulco. Ospiti che accusano il colpo e vacillano pericolosamente. Mister Auteri tenta di riportare il match nelle mani dei suoi uomini, opta per l’ingresso in campo di forze fresche con Sartore al posto di Carretta. Siracusa che, sulle ali dell’entusiasmo spinge e si rende nuovamente pericoloso con Spinelli, il centroavanti supera De Franco ma è provvidenziale il recupero di Ingrosso che spazza il pericolo. Rete dei “leoni siciliani” rinviata solo di qualche minuto, al 25′ sugli sviluppi di un corner è ancora Catania abile a controllare la sfera in mezzo a tre persone, in piena area piccola, e trafiggere Bifulco. E’ l’episodio che di fatto chiuderà la partita, dando un colpo letale agli ospiti e consentendo alla squadra di casa di ergere un muro difensivo davanti a Santurro. Il cambio di Louzada alla mezz’ora, al posto di Casoli, non infonde pericolosità in fase offensiva. Matera che perde così la sua prima partita in campionato e, allo stesso tempo, regala ai siciliani la prima inaspettata gioia stagionale. Una sconfitta che farà sicuramente riflettere mister Auteri, alle prese con i dilemmi relativi al modulo ed alla rosa, carente in alcuni reparti. 

Occorre immediatamente ripartire con un successo nella prossima sfida casalingadomenica prossima, contro il Catanzaro, inizio ore 20,30AVANTI MATERA! AVANTI BUE!

 MG 0897

 MG 0911

 MG 0923

 

 MG 0972

 MG 1017

 MG 1065

 MG 1075

 MG 1110

 MG 1127

 MG 1169

 MG 1171