Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

morelloCentrocampista classe 1945, Mario Morello giunge a Matera a trentadue anni con un curriculum e un bagaglio di esperienza di primissimo piano e con alle spalle una importante militanza in serie A con la maglia della Sampdoria, con cui fa il suo esordio in massima serie nel 1968-69 (nello 0 a 0 dei blucerchiati all'Ossola di Varese), e con la maglia dell'Ascoli. In particolare, con i marchigiani Morello ha un posto tra i beniamini della hall of fame bianconera avendo contribuito in modo decisivo alla prima storica promozione in serie A della squadra allora guidata da Carletto Mazzone (1973-74).

Un vincente quindi, uno specialista di promozioni che conferma la sua fama anche nella Città dei Sassi, cogliendo in tre stagioni l’ammissione alla nascente serie C1 e la promozione in Serie B.

1978-79 matera-salernitana
Il goal messo a segno da Morello contro la Salernitana nel 1978-79. Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno

Atleta instancabile, dotato di una corsa elegante e inarrestabile, in carriera fu utilizzato come una sorta di jolly nella zona nevralgica del campo, sia come mediano di spinta che come trequartista. Per quanto riguarda la militanza biancazzurra, mister Dibenedetto, trainer durante tutta la sua parentesi materana, preferì utilizzarlo prevalentemente nella posizione più avanzata del suo centrocampo.

Il centrocampista originario di Cordenons aveva anche una certa confidenza con il gol; nella sua esperienza a Matera mise a segno sei reti in tre stagioni, le più pesanti delle quali nel vittorioso campionato di C1. Nella stagione 1978-79, infatti, che si concluse con la promozione in B del Matera, realizzò quattro reti andando a segno nel 2 a 0 sul Pisa, nel 2 a 1 sull'Arezzo, nel 4 a 0 sul Chieti e infine va ricordata la sua bordata nel 3 a 0 contro la Salernitana (un gran diagonale mancino rasoterra a trafiggere l'estremo difensore granata Nevio Favaro). Curiosamente tutte reti segnate tra le mura amiche che fecero di Morello un vero e proprio talismano nelle partite casalinghe di quella stagione.

Chiuse la parentesi biancazzurra al termine del campionato cadetto 1979-80 con un bilancio di ottantasei presenze.

Clicca qui per visualizzare le statistiche di Morello con il Matera

 

giannattasio antezza morello Diego Giannattasio, Vincenzo Antezza e Mario Morello