Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

FRANCAVILLA: Ricciardi, Russillo, Ferrara, Di Giorgio, Nicolao, Pioggia, Sekkoum, Gasparini, Lancellotti, Sindjc (11’ st Pisani), Sperandeo (24’ st Donnadio).

In panchina: Ziembanski, Foscolo, Pellegrini, Masullo, Ferraiolo, Cristoforo, Di Nella.

Allenatore: Ranko Lazic.

MATERA: Spilabotte, Pino, Migliaccio, Fernandez, Bassini, Iannini, Giorgino (14’ st Majella), Roselli, Lauria (45’ pt Oliveira), Girardi, Orlando (36’ st Tundo)

In panchina: Lombardo, Calori, Todino, Sy, Ciano, Liberacki

Allenatore: Vincenzo Cosco.

RETI: 32’ pt Sperandeo (F),  42’ st Pioggia (F).

NOTE: Espulso al 30’st Sperandeo (F) dalla panchina per proteste. Ammoniti: Pino (M) e Nicolao (F). Spettatori 500 duecento dei quali provenienti da Matera

IMG 0713

Forse è l'ultimo Matera targato mister Cosco quello andato in scena nella decima giornata di campionato nel derby del Fittipaldi contro il Francavilla di mister Lazic. L'undici biancazzurro ha offerto una prestazione a dir poco orrenda, soccombendo per 2 reti a 0 al cospetto di una squadra, il Francavilla appunto, apparso affamato e determinato. Mister Lazic, per l'occasione, aveva chiesto ai suoi una prova d'orgoglio e di carattere dopo la sconfitta a tavolino che il giudice sportivo ha inflitto alla squadra sinnica per irregolarità contro il Gladiator.

Il Matera? Non pervenuto. Troppo brutto per essere vero. La squadra è apparsa svogliata, senza idee, incapace di giocare a calcio. Una prova senza attenuanti quella di Migliaccio e compagni, capitata al termine di una settimana rovente, accompagnata da forti polemiche dopo il deludente pareggio casalingo di domenica scorsa contro la Gelbison e per alcune vicende extra-calcistiche che hanno interessato alcuni calciatori materani in settimana. Il primo colpevole, secondo i tifosi materani, è sicuramente mister Vincenzo Cosco. Il tecnico molisano non ha saputo, in dieci giornate, trasmettere alla squadra una identità di gioco, ed è normale che il presidente Columella valuti in maniera concreta il suo esonero. Certo, in campo ci vanno i calciatori, ma tuttavia l'atteggiamento della squadra nel complesso è apparso troppo difensivo. Voler trovare degli aspetti positivi al termine di una partita di questo tipo è un'impresa ardua. Gli unici giocatori a mantenersi sulla soglia della sufficienza sono stati il caparbio under Orlando e l'ordinato Roselli.


IMG 0726E dire che la gara non era cominciata male, anzi. Dopo una buona occasione capitata sui piedi del giocatore rossoblu Sperandeo al 2', è stato il Matera a rendersi più pericoloso prima con Iannini all'8', posizionato per l'occasione trequartista alle spalle dell'unica punta Girardi, e poi con Lauria all'11', il cui tiro è ampiamente a lato. Al 17' e al 29' due episodi che potevano indirizzare seriamente la partita in favore dei biancazzurri. Prima Lauria, ben lanciato da Iannini, fallisce clamorosamente a tu per tu con il portiere sinnico Ricciardi, poi Iannini con un doppio passo fa fuori un difensore e si presenta davanti all'estremo rossoblu che compie il miracolo e salva i locali. La legge del calcio è impietosa: gol mangiati gol subito, Francavilla in vantaggio al 35'. Calcio di punizione discutibile da posizione laterale a seguito di un contrasto regolare di Bassini. Palla al centro, Lancellotti in posizione dubbia la mette al centro per Sperandeo che facile facile insacca. Il Matera accusa il colpo e l'uscita 4 minuti dopo di Lauria per infortunio, Oliveira al suo posto, decreta il definitivo blackout dei biancazzurri. Primo tempo che si chiude senza una reazione degna di nota da parte dei materani.

IMG 0717Nel secondo tempo il copione non cambia. Francavilla rintanato nella propria metà campo e pungente in fase di ripartenza, Matera, incapace in fase offensiva, non riesce a rendersi pericolosa. Cosco tenta il tutto per tutto inserendo Majella al posto di Giorgino, ma la musica non cambia ed i minuti scorrono impietosi. Il secondo tempo scivola via senza emozioni, se non per l'espulsione dell'attaccante Sperandeo, che una volta sostituito si rende protagonista di un siparietto con la panchina materana. L'unica occasione dei materani è firmata Oliveira, il quale innesca il turbo sulla fascia, semina un paio di avversari e conclude. Il tiro, parato dal portiere, non è preda di nessun attaccante materano. Nel finale di partita il Matera non ne ha più, ed il Francavilla prima si rende pericoloso con una conclusione di Sekkoum respinta bene da Spilabotte, poi realizza il 2 a 0 con Pioggia, lasciato incredibilmente solo dalla retroguardia biancazzurra. L'attaccante sinnico mette a sedere il portiere materano e lo spiazza, mandando in delirio i sostenitori locali.

IMG 0702Al fischio finale si scatena la contestazione dei circa 150 tifosi materani giunti al Fittipaldi. Francavilla ancora stregato per il Matera. Fatta eccezione per i risultati positivi della passata stagione, infatti, proprio in corrispondenza di questa trasferta sono molti gli allenatori materani ad averne fatto le spese nelle scorse stagioni (vedi Corino e Giusto). Alla base della delusione dei sostenitori biancazzurri vi è soprattutto il modo con cui la sconfitta è maturata. Una squadra totalmente incapace di reagire, senza carattere ed organizzazione.

Se proprio si vuol trovare una nota positiva di questa decima giornata, guardando la classifica e valutando anche l'esclusione del Nardò, il Matera si trova ancora ad un passo dalla vetta, al terzo posto, a soli 2 punti dal Marcianise, fermato in parità dalla Puteolana, e ad 1 punto dal Monopoli, battuto dal Gelbison. Più dietro ad un punto vi è la Turris, fermato in casa dal Manfredonia, ed a 2 punti dall'accoppiata pugliese Brindisi e Taranto a 16 punti, vittoriose contro Real Vico e Gladiator. Real Metapontino battuto a San Severo per 2 reti a 1.

Una nota di dispiacere, infine, da sportivi ed amanti dello sport in generale è dedicata al Nardò che, non presentandosi domenica è stata esclusa dal campionato e radiata. La compagine salentina ripartirà dalla terza categoria. 

 

Nicola Radogna

per le foto in pagina si ringrazia Mariapaola Vergallito (www.lasiritide.it)

 

Risultati serie D girone H 10° giornata

GROTTAGLIE-NARDO' non disputata per mancanza team ospite. Il Nardò sarà radiato avendo racimolato 4 assenze

BISCEGLIE - MARIANO KELLER 0-0

BRINDISI - REAL VICO 2-1 (13' pt Gambino, 22' pt Iovene, 44' st Greco)

FRANCAVILLA - MATERA 2-0 (36' pt Sperandeo, 42' st Pioggia)

GELBISON - MONOPOLI 3-2 (25' pt Di Rito, 30' pt Tedesco, 6' st Sica, 25' st Lanzilotta, 37' st Tedesco su rigore)

PUTEOLANA - MARCIANISE 0-0

GLADIATOR - TARANTO 1-2 (11' pt Menicozzo, 2' st Liccardi, 31' st Molinari)

SAN SEVERO - REAL METAPONTINO 2-1 (9' pt Gadaleta, 10' st Dimatera, 22' st Ladogana)

TURRIS - MANFREDONIA 1-1 (7' pt Polidori, 23' pt Perna)

 

Classifica

20 - MARCIANISE

19 - MONOPOLI

18 - MATERA

17 - TURRIS*

16 - BRINDISI (-1)*

16 - TARANTO

13 - GELBISON

11 - REAL VICO*

11 - GLADIATOR (-1)

11 - MARIANO KELLER*

11 - BISCEGLIE*

11 - FRANCAVILLA

10 - MANFREDONIA*

9 - SAN SEVERO*

8 - PUTEOLANA (-2)*

7 - REAL METAPONTINO*

7 - GROTTAGLIE*

*già osservato un turno di riposo