Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


Rubrica a cura di Francesco Salerno e Fabio Venezia

 

cittadivico1-410x285  STORIA - Il Real Vico è la società nata nel 2013 dopo il trasferimento nella città della costiera sorrentina del titolo sportivo del Nola, operazione resasi necessaria dopo la rinuncia della precedente società, vincitrice dell'Eccellenza campana. In realtà i biancoazzurri avevano ricominciato da zero già nel 2010, dopo il fallimento della società storica di Vico Equense, cioè la squadra che arrivò a disputare la Lega Pro Seconda Divisione nel 2009-10. A parte quella stagione comunque, i vicani non hanno collezionato altre apparizioni in campionati professionistici, limitandosi a militare tra Eccellenza e Prima Categoria campana, con sporadiche apparizioni di carattere interregionale.
La sfida in campionato tra il Real Vico e il Matera è inedita in quanto l'unico precedente tra le due formazioni risale alla dimenticabile stagione 2008-09 ma si trattava di una sfida di Coppa Italia di Serie D, precisamente ottavi di finale: i campani si qualificarono vincendo 2 a 1 all'andata e rimediando un pareggio a reti bianche nella gara di ritorno.

LA SQUADRA -
Con diciannove punti conquistati in quattordici gare il Real Vico staziona a metà classifica, con un margine di quattro punti sulla zona playout. Eppure negli ultimi giorni a Vico Equense c'è stato un massiccio esodo di calciatori: svincolati, tra gli altri, l'esperto attaccante Luca Martone (ex Sant'Antonio Abate), il tricaricese Lolaico (31enne difensore ex Potenza in Serie C), il centrocampista Matarazzo, l'ex Ischia Trofa, il talentuoso Enea Coppola (in passato a Torre del Greco, Campobasso e Angri), il bomber ex Turris Giulio Russo ed i mediani Corsale e Zaminga (in passato a Casarano, Melfi e Brindisi). Allontanati tutti i giocatori più esperti e quotati, di fatto azzerata la spina dorsale della squadra.
Il lavoro del giovane mister Vincenzo Di Maio non sarà certo dei più agevoli con una rosa decimata e tecnicamente impoverita, in attesa di nuovi rinforzi.
Tra i pali ballottaggio tra il giovane Pastena, classe 1994, ed il navigato Apuzzo, nella stagione passata a difesa dei pali del Sant'Antonio Abate.
In difesa il 19enne Lettieri dovrebbe partire titolare a destra mentre lungo la corsia opposta in pole il coetaneo Ansalone. Al centro della difesa l'ex Sorrento e Sarnese Maraucci dovrebbe far coppia con Paolo Melcarne, venti presenze a Vallo della Lucania nello scorso campionato.
A centrocampo occhio al '95 Prisco, reduce da una grande stagione con la maglia del Gladiator, al 21enne Iovene, prelevato in estate dall'Aversa Normanna, ed a Luca Circiello, match winner contro il Grottaglie.
In attacco i maggiori problemi: senza i due pezzi da novanta Martone e Russo, Di Maio può contare sul solo Di Ruocco (classe 1992, l'anno scorso a Bisceglie dove ha realizzato tre reti).
Una squadra in evidente difficoltà che senza innesti di rilievo rischia di essere risucchiata nelle zone calde.

SUGLI SPALTI - Il Real Vico disputa le partite interne nello Stadio Comunale situato nella frazione di Massaquano della cittadina della costiera sorrentina. Tra i mille spettatori che l'impianto può contenere sugli spalti, ad ora non si è ancora visto un gruppo organizzato stabilmente ma solo tifosi che fanno qualche coro e che difficilmente varcano i confini campani nelle trasferte della propria squadra. Vedremo se domenica a Matera saranno all'opera nuclei di questo tipo.