Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Real Metapontino logoLA SQUADRA - Non si può certamente definire un buon momento quello che sta attraversando il Real Metapontino, formazione al primo impatto con il campionato di Serie D, protagonista di un cammino fino a questo momento rispettabile per una matricola. I ragazzi dell’ex Matera Raimondo Catalano sono infatti fuori dalla zona retrocessione ma le cinque sconfitte nelle ultime sette partite hanno in parte vanificato gli sforzi compiuti durante i primi tre quarti di stagione in cui gli jonici si sono tolti parecchie soddisfazioni tra cui la vittoria col Brindisi e gli stop sul pareggio imposti consecutivamente a Matera, Monopoli e Taranto. Attualmente il Real Metapontino si trova al quattordicesimo posto in piena zona play-out, le statistiche parlano di un terzo peggiore attacco del girone e solo otto punti conquistati in trasferta, dove non arriva un risultato utile dal nove febbraio.

Sulla carta dunque l’avversario che si presenterà domenica al «XXI Settembre - Franco Salerno» non è un ostacolo insormontabile ma l’urgenza di tornare a fare punti darà agli ospiti una marcia in più, così come la voglia di fare bene davanti al pubblico materano dei tanti ex di turno come Ugo Maglione, Mario Cirigliano, Francesco Di Gennaro e lo stesso Francesco Ambrosecchia che pur non avendo indossato la maglia biancazzurra è originario della città dei Sassi.

Il derby provinciale sarà quindi uno snodo cruciale della stagione per entrambe le formazioni: in caso di vittoria del Matera, la pausa del Taranto e lo scontro diretto tra Monopoli e Marcianise potrebbero provocare un nuovo terremoto ai piani alti della classifica in un incertissimo finale di stagione che nel girone H non si vedeva da anni.

LA TERNA - Terna abruzzese per la sfida infrasettimanale del Matera, le formazioni scenderanno in campo agli ordini del Sig. Daniele Paterna di Teramo e degli Assistenti Fabio D'Agostino di Teramo e Massimo Miccoli di Lanciano.

LA SQUADRA -
Nessuna assenza di rilievo per mister Catalano in vista del derby di Matera. Tra i pali ci sarà il ’94 Vincenzo Pentimone, scuola Bari. Al centro della difesa in lizza per una maglia da titolare Benedetto Lorusso, 24enne ex Trani, Barletta e Noicattaro, Alessandro Caridi, esperto centrale classe 1978 ex Vibonese, Vigor Lamezia, Barletta e Monopoli, e l’ex FC Matera Ugo Maglione (tre stagioni in biancazzurro tra il 2001 ed il 2005). Per il ruolo di terzino destro il ’94 Barreca, prelevato a Dicembre dalla Vibonese, e Gianluca Cati si giocano il posto mentre a sinistra Catalano punterà sul materano Francesco Ambrosecchia, 28enne in passato a Vasto, Gela e Cosenza.

In mezzo al campo spazio alla coppia formata da Alfonso Iennaco, in passato a Brindisi, Gallipoli e Andria, e Danilo Cadaleta, under nato nel 1994 e cresciuto nel settore giovanile del Bari. Lungo le corsie esterne agiranno gli esterni offensivi Domenico Grittani, classe 1995, a sinistra, ed il temibile Sergio De Tommaso, ex Martina e Monopoli, a destra. Partiranno con ogni probabilità dalla panchina Francesco Orlando, nato nel 1996, e Mario Cirigliano, che ha vestito la maglia del Matera nel 2005.

In attacco il punto di riferimento è indubbiamente Francesco Di Gennaro, trasferitosi a Montalbano a Dicembre dal Matera; con la maglia biancoazzurra Di Gennaro ha fatto benissimo nella scorsa stagione, è lui il pericolo numero uno per gli uomini di Cosco. Al suo fianco prenderà posto l’ex Potenza, Lavello e Francavilla Di Senso.