Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Rubrica a cura di Francesco Salerno e Fabio Venezia


VicoIL CAMPIONATO - Ancora centottanta minuti alla fine del campionato. Due partite in cui si decide l'immediato futuro calcistico delle due formazioni che domenica scenderanno in campo per difendere i colori di Matera e Vico Equense. Una squadra è nel pieno dello sprint finale e l'altra è alla ricerca spasmodica di un risultato utile per evitare la velenosa coda play-out.

Sette partite senza vittoria sono costate il posto all'allenatore dei campani Cioffi, sostituito da Rosario Campana che le proverà tutte per ottenere una salvezza diretta ancora matematicamente alla portata. Nel girone di andata, infatti, il Real Hyria non aveva sfigurato ed era fuori dalla zona calda. Dopo Natale, però, la squadra ha cominciato a perdere punti per strada finendo invischiata nella lotta per non retrocedere, una lotta complicata anche dal calendario che ha riservato alle ultime due giornate gli incontri proibitivi con Matera e Monopoli.

I numeri non sono dalla parte della squadra Vico Equense: le statistiche parlano del quarto peggior attacco e di un'astinenza dalla vittoria di quasi due mesi con l'ultimo successo che risale al 2 marzo (vittoria per 3 a 2 sul Bisceglie). Ad alimentare ulteriormente le preoccupazioni del mister Rosario Campana il fatto che nelle ultime quattro uscite fra le mura amiche il Real Hyria ha sempre subito reti soffrendo particolarmente nei secondi quarantacinque minuti.

LA TERNA - Direzione di gara affidata a Luca Colosimo di Torino coadiuvato dagli assistenti Sante Selicato di Siena e Maicol Lupi di Empoli.

LA SQUADRA - Da poco più di una settimana sulla panchina del Real Vico siede Rosario Campana, nel recente passato al Ctl Campania, che ha sostituito il dimissionario Cioffi. Un allenatore che conosce bene il girone e che tenterà l’impresa di raggiungere la salvezza diretta, attualmente appannaggio di San Severo e Mariano Keller, distanti appena due punti.

Tra i pali ci sarà il ’95 Gioacchino Loffredo, cresciuto nel settore giovanile della Juve Stabia ed accasatosi a Vico nel mercato invernale.

I due terzini saranno gli under classe 1994 Salvatore Oriente, prelevato a stagione in corso dal Gladiator e Francesco Lettieri, ex Savoia e Sant’Antonio Abate. Al centro della difesa il 23enne Paolo Melcarne, nella passata stagione a Vallo della Lucania, l’esperto Maurizio Maraucci (30enne ex Pomigliano, Aversa, Sorrento con una presenza in B a Grosseto) ed Alberto Schettino, numerose presenze in C a Fondi, Vercelli, Alessandria, Cuneo, Teramo e Latina, sono in lizza per due maglie da titolare.

In mezzo al campo mister Campana dovrebbe optare per la qualità di Enea Coppola, protagonista nel recente passato ad Angri e Torre del Greco, che sarà affiancato da Ferrara o da Luca Circiello. Lungo le corsie esterne, data l’assenza per squalifica di Mascolo, spazio al ’94 ex Gladiator Emanuele Barone a sinistra ed al ’93 Cirillo a destra.

In avanti squalificato l’esperto Matteo Della Ventura, qualche anno fa trascinatore del Marcianise in C, mentre ci saranno Rosario Di Ruocco e Vincenzo Iovene, in gol 7 volte quest’anno.

STADIO - Real Vico-Matera si disputerà al “Massaquano”, impianto costruito nel 1968 (in precedenza la squadra di Vico, in occasione delle gare interne, era ospite della vicina Sorrento). Fondo di gioco in erba sintetica ed un migliaio i posti a sedere, divisi in due settori: una tribuna totalmente scoperta che ospita la stampa ed i tifosi locali, ed una piccola tribunetta in tubi innocenti destinata ai tifosi ospiti. Come successo in occasione di Real Vico-Taranto, anche domenica prossima è stata decisa l’inversione dei settori dato l’elevato afflusso di tifosi provenienti da Matera.