Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Matera: Bifulco, Pino, Bassini, Roselli, De Franco, Fernandez, Orlando, Iannini, Picci, Letizia, Varsi
A disp.: Aprea, Calori, Carretta, Marsili, Barretta, Titone, Sbardella, Colucci, Dos Santos
All.: Cosco

Manfredonia: Maggi, Balestrieri, Esposito, D’Ambrosio, Cuomo, Corbo, Romito, Portosi, Carminati, La Porta, Scarano
A disp.: De Gennaro, Stoppiello, Coccia, Totaro, Casciani, Compierchio, Rinaldi, De Rita, Lupoli
All.: Vadacca

Arbitro: Marco Minotti di sezione di Roma 2. Assistenti Giuseppe Di Giacinto di Teramo e Simone Piccirilli di L’Aquila.
Note: spettatori circa 10.000, con una trentina da Manfredonia.

(Cronaca a cura di Nicola Radogna, foto di Sandro Veglia)

Clicca qui per visualizzare la fotogallery completa di Matera-Manfredonia

Clicca qui per visualizzare la fotogallery completa dei festeggiamenti post-partita

DSC 0137

La cronaca più bella, quella dal sapore più dolce. Nell'ultima giornata di campionato il Matera conquista la promozione in Lega Pro dopo aver battuto il Manfredonia per 3 reti a 0. Il coronamento di un sogno, al termine di una stagione lunga, difficile, caratterizzata da continui colpi di scena e ribaltoni, ma terminata con il successo per la società di Columella. Il XXI Settembre nelle vesti delle grandi occasioni, circa 10.000 i presenti per quella che, di fatto, rappresenta una doppia promozione (visto che per la riforma dei campionati dall'anno prossimo esisterà un'unica Lega Pro). Coreografia da brividi organizzata dagli ultras, tanta tensione prima e durante la partita per quella che rappresentava l'ultima chanche da parte del Taranto di superare o quantomeno riagguantare i lucani, distanti 2 punti.

VSD 4693La partita è stata senza storia, il Matera ha superato con un agile 3-0 i pugliesi e si è consacrata vincitrice del campionato, a distanza di ben 24 anni dall'ultima promozione diretta in un campionato nazionale. Al termine della gara è esplose l'incontenibile gioia dei numerosi tifosi materani accorsi allo stadio. Caroselli di auto si sono susseguiti a scene di giubilo per le vie della città, per un traguardo prestigioso sfuggito di mano qualche anno fa a seguito della mancata iscrizione del F.C. Matera. Va dato atto al presidente Columella di averci sempre creduto, anche quando le cose non andavano per il verso giusto. Il ritorno di mister Cosco e la seguente consacrazione del collettivo hanno permesso ai biancoazzurri di rimontare prima nei confronti del Marcianise ben 8 punti di distacco, VSD 4752successivamente di riagguantare il Taranto nel finale di stagione e superarlo nella penultima giornata, quando il Matera ha espugnato il campo di Vico Equense ed il Taranto è stato fermato sul pareggio allo stadio Progreditur di Marcianise.

Veniamo alla cronaca della partita. Tundo non ce la fa a recuperare, così mister Cosco si è visto costretto a riconfermare gli undici che hanno vinto contro il Real Metapontino e Real Vico. Parte subito forte il Matera, Picci è il più pericoloso dei suoi e prima si mette in mostra con una bella rovesciata al 3', poi spreca una ghiotta palla goal al 7' dopo un'incursione dell'ottimo Varsi. Due minuti più tardi è Iannini a divorarsi l'occasione per il possibile vantaggio: VSD 4758la sua incursione in area lo porta a tu per tu con il portiere ospite, il quale compie un vero e proprio miracolo e devìa in angolo. Picci pericoloso subito dopo in ben due occasioni. Prima tenta un pallonetto fuori misura, dopo lascia partire un diagonale insidioso. Sono le prove per il goal che avviene al 15' quando sempre l'attaccante barese Picci finalizza di testa un'ottima azione di Orlando sulla destra. Due minuti più tardi capitan Fernandez chiude i conti disegnando una magistrale traiettoria su punizione che si infila all'angolino alla sinistra del portiere. Risultato messo in cassaforte già nei primi 20 minuti. Da qui alla fine del primo tempo da segnalare solo un autogoal in favore del Matera annullato dal direttore di gara.

VSD 5180Ripresa che si apre sulla falsariga del primo. Matera che attacca, Manfredonia mai in partita. Ancora Picci, alla ricerca della doppietta, pericoloso al primo minuto, blocca il portiere ospite Maggi. Mister Cosco offre la standing ovation prima a Picci, ormai idolo dei tifosi, al cui posto entra Carretta, e successivamente a capitan Fernandez, sostituito da Calori. C'è stato anche il torno dell'ovazione per Gaetano Iannini, il cui posto è stato preso da Marsili. Al 28' la terza VSD 5189marcatura materana, ad opera di Letizia che concretizza una favolosa discesa di Pino, insaccando nell'angolino basso alla sinistra del portiere. Fino alla fine da segnalare solo una parata plastica da parte di Marino Bifulco, uno dei protagonisti di questa splendida stagione, al 30'.

 

 

Finisce così, il Matera si aggiudica partita e campionato: E' LEGA PRO!!! E' IL RITORNO NEL CALCIO CHE CONTA!!!

DSC 0353

DSC 0390

 

DSC 0440

DSC 0769

Lo spettacolo pirotecnico allestito nei pressi della Curva Sud fa da cornice all'esultanza dei giocatori, dello staff e del presidente, fieri di aver riportato la Città di Matera nel calcio che conta dopo tanti anni (escludendo la parentesi del ripescaggio, durata un solo anno). Al termine della gara la festa si è trasferita prima nei pressi degli spogliatoi e successivamente, in serata, in Piazza Vittorio Veneto. Rimarrà sicuramente nella mente e nel cuore dei tifosi la maxi sciarpata in una piazza affollata come se fosse il 2 luglio.

Per quanto riguarda il resto del girone, si assicurano un posto nei playoff il Taranto, vittorioso per 3-0 sul Real Metapontino, la Turris, fermata in parità sul campo del Grottaglie, il Monopoli vittorioso in casa sul Real Vico per 1 a 0 ed il Marcianise, che osservava il turno di riposo. In coda alla classifica è condannato alla retrocessione il Gladiator, sconfitto in casa per 0-3 dal Bisceglie. Ai playout ci vanno Grottaglie, che come detto ha pareggiato in casa, la Puteolana che pareggia 1-1 contro il Brindisi, il Real Metapontino sconfitto a Taranto ed il Real Vico sconfitto a Monopoli.

Ai tifosi festanti nello stadio, in piazza e per le vie della città ci sentiamo in dovere di aggiungere e ringraziare un altro tifoso che sicuramente ieri avrà gioito come noi, anzi di più. Questa vittoria è per l'indimenticato Renato Carpentieri.

Risultati 34^ giornata Serie D Girone H

Gladiator-Bisceglie 0-3
Puteolana-Brindisi 1-1
San Severo-Francavilla 2-2
Matera-Manfredonia 3-0
Gelbison-Mariano Keller 0-0
Taranto-Real Metapontino 3-0
Monopoli-Real Vico 1-0
Grottaglie-Turris 1-1

Riposa Marcianise

Classifica

Matera 64
Taranto 62
Turris 57
Monopoli 57
Marcianise 56
Brindisi 53
Francavilla 49
Bisceglie 44
Gelbison 42
San Severo 39
Manfredonia 38
M. Keller 37
Real Vico 33
R. Metapontino 29
Puteolana 29
Grottaglie 28
Gladiator 25