Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

A cura di Fabio Venezia, Francesco Salerno e Nicola Salerno

Clicca qui per leggere la cronaca della gara di andata

juve-stabia-logoGLI AVVERSARI - Sono cinque le lunghezze che separano la Juve Stabia, attualmente terza in classifica, dalla battistrada Benevento. Trentanove i punti conquistati, frutto di undici vittorie, sei pareggi ed appena tre sconfitte. Molto positivo il bilancio tra le mura amiche, dove il solo Benevento è riuscito a portar via tre punti mentre Matera, Lecce, Messina e Foggia sono riusciti nell'impresa di strappare un pareggio, ma anche lontano dal “Menti”, con i gialloblu di Castellammare che hanno perso a Salerno e Catanzaro, pareggiato a Martina e Lamezia e vinto a Caserta, Pagani, Cosenza, Ischia e Aversa.

Mister Pippo Pancaro dovrebbe continuare a puntare sul 4-2-3-1, lo stesso modulo adottato nella gara di andata.

Tra i pali ci sarà il titolatissimo Pisseri mentre i terzini saranno Cancellotti a destra e Contessa a sinistra. Al centro della difesa Pancaro ne sceglierà due tra Jan Polak, difensore ceco ingaggiato ad inizio Novembre con alle spalle quasi 150 presenze nei massimi campionati di Repubblica Ceca e Polonia e numerosi gettoni nelle selezioni nazionali giovanili, Marco Migliorini e Samuele Romeo, diciotto apparizioni e due reti sinora in stagione.

In mezzo al campo la rodata coppia formata da Giovanni La Camera e William Jidayi, mentre non dovrebbero trovare inizialmente spazio l'ultimo arrivato Salvatore Burrai, prelevato nei giorni scorsi dal Monza, e l'esperto Fabio Caserta. Sulla trequarti si sistemerà il trio formato dal fantasista Francesco Bombagi, a segno tre volte in campionato, dall'esterno alto destro Francesco Nicastro e dal francese Matthias Lepiller, seconda punta classe 1988, svincolatosi in estate dal Novara e ingaggiato dalle vespe a metà Novembre.

In avanti il terminale d'attacco sarà Samuel Di Carmine, ripresosi alla grande dopo un periodo difficile; per l'ex Fiorentina e Gallipoli sono sette le reti messe a segno in diciannove apparizioni. Partirà molto probabilmente dalla panchina Francesco Ripa, sei gol finora uno dei quali realizzato proprio nella gara di andata contro il Matera.

SUGLI SPALTI - Il tifo a Castellammare ha una lunga tradizione, in un certo senso i gialloblu possono essere considerati tra i pionieri del movimento Ultras nel Mezzogiorno.

La prima forma di sostegno organizzato infatti risale addirittura al 1969 quando comparve la sigla Ultras, seguita nei primi anni Settanta dai gruppi Brigata e Vecchi Fedayn. Sin dai primi tempi la tifoseria si distingue, oltre che per le sue spettacolari coreografie, per l’ideologia politica di sinistra che anche nei decenni successivi sarà conservata e testimoniata da numerose bandiere e stendardi con l’immagine di Che Guevara, bandiere rosse e stelle a cinque punte.

Nel 1984 nasce uno dei gruppi simbolo della curva stabiese: i famosi Swarm Supporters, conosciuti anche come Swarm Supporters Stabiae con il dittongo finale (a volte adottato pure da altri gruppi concittadini) che richiama l’antica città romana scomparsa assieme a Pompei, Ercolano e Oplontis per l’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

Altro anno importante per la curva sud stabiese fu il 1994 a cui risalgono le fondazioni dei Ciceron e delle Vespe Matte. Il primo è il gruppo associato al mitico materiale con la faccia del cartone animato Arsenio Lupin poi copiato da numerosi gruppi in tutta Italia, il secondo riunì Lunatici e Boys ed era composto da elementi molto giovani che sarebbero diventati dieci anni dopo una delle realtà trainanti del “vespaio” gialloblu.

In generale gli ottimi risultati del team gialloblu ottenuti a partire dalla seconda metà degli anni Ottanta hanno generato un entusiasmo enorme, tale da far letteralmente proliferare i gruppi allo stadio Menti. È abbastanza difficile elencarli tutti, ci proviamo senza seguire ordine cronologico e sperando di non dimenticare nessuno: Skonvolt Heads, Brigata Santa Caterina, Ultras Juve Stabia 1907, Original Fans, Vecchio Nucleo 84, Rizla +, Nucleo, Higlander, Zoccolo Duro, Quelli di Sempre, Girls Stabia, Hard Girls Warriors, Rione Scanzano, Vecchie maniere, Via Galeno, C129, Baldi e Fieri, Secondi a nessuno, Seguaci, Group Skull Stabia, Fedelissimi Juve Stabia, XIX Giugno, Vecchia Guardia, I Soliti Ignoti, Hell Side, Tupac Amaru, Hamas Castellammare.

La maggioranza di queste realtà ha gettato la spugna tra gli anni Novanta e Duemila sebbene ancora oggi il movimento Ultras a seguito della Juve Stabia sia ancora vitale rispetto a molte altre piazze “sfiancate” da repressione, tessera del tifoso ecc.

targa potenza-juve stabia
La targa consegnata dal presidente della Juve Stabia al sen. Salerno in occasione della partita Potenza-Juve Stabia giocata in campo neutro a Matera nel 1975.

Dulcis in fundo parliamo di amicizie e rivalità. Anche qui ci sarebbe da dilungarsi, non potrebbe essere diversamente visto il numero di gruppi e gli anni di attività della tifoseria, ma riportiamo solo le informazioni più significative.

Cominciamo parlando del rapporto con noi materani. Sebbene a livello Ultras sia ufficialmente nato solo nel corso della stagione 1993-94, il feeling tra Juve Stabia e Matera ha radici ancora più remote. Nel 1974-75 le vespe erano in lotta con il Potenza per la vittoria del campionato di Serie D e il calendario aveva giocato un brutto scherzo ai gialloblu attesi all’ultima di campionato proprio dalla trasferta potentina con lo svantaggio del fattore campo. Tuttavia lo stadio Viviani si buscò una squalifica e la Federazione decise di far disputare questo incontro proprio a Matera (altri tempi, pensate oggi far giocare Potenza-Juve Stabia a Matera…). Il pubblico materano accolse bene i tifosi campani e anche la società del Matera si dimostrò ospitale con squadra e staff gialloblu, tant’è che l’allora presidente stabiese Giuseppe Abagnale consegnò al presidente materano Franco Salerno una targa di ringraziamento. Per la cronaca la Juve Stabia fermò il Potenza sull’1 a 1 ma il buon risultato di Matera si rivelò inutile in quanto le squadre terminarono il campionato a pari punti e nello spareggio, disputato a Bari, i rossoblu si imposero 1 a 0 ai supplementari. Come già detto, nel 1993-94 gli Ultras di Matera e Juve Stabia diedero vita a un gemellaggio (probabilmente alimentato da quel lontano episodio e altre comuni rivalità) che fu confermato anche negli incontri successivi, a dire la verità non molti, in particolare nel 2003-04 quando sia al XXI-Settembre Franco Salerno che al Menti ci furono i classici giri di campo con le bandiere di entrambe le squadre.

Anche il gemellaggio con la tifoseria del Siracusa ha le sue radici negli anni Settanta ed è legato al calcio giocato. Il 13 maggio 1979 Nicola De Simone, difensore del Siracusa di origini stabiesi ed ex proprio della Juve Stabia, morì tragicamente in seguito a uno scontro di gioco. Dall’emozione suscitata in entrambe le città è scaturito nel 1984 un gemellaggio fortissimo tra le due tifoserie ancora oggi molto sentito e in virtù del quale si disputa ogni anno un memorial. Altre tifoserie in buoni rapporti con gli stabiesi sono quelle del Perugia, dell’Ancona, della Lucchese e, in Campania, Casertana e Nola.

Per quanto riguarda le rivalità, come si è già detto tra i primi posti ci sono molte “antipatie” in comune con i materani: Potenza, Nocerina, Turris, Ebolitana e Savoia. Per il Savoia va fatto un discorso a parte in quanto le tifoserie erano precedentemente in ottimi rapporti, poi qualcosa è andato storto: pare alcuni torti fatti ai siracusani da parte degli oplontini. Altre rivalità sono quelle con Salernitana, Cavese, Foggia, Avellino e l’immancabile Verona.

I PRECEDENTI - di seguito sono elencati i tabellini completi di tutti i precedenti di campionato disputati in casa contro la Juve Stabia.

 

matera-juve stabia 56-57
Stagione 1956-57: appunti della gara Matera-Juve Stabia tratti dal diario dell'allenatore della Juve Stabia Enzo Bellini. Fonte: Gilberto Guerra

Stagione 1956-57 – Campionato di IV Serie - 16ª giornata – 27.1.1957

 

Matera - Juve Stabia 1-0

Matera: Manzin, Pittuello, Fumis, Glereani, Zampar, Morandi, Rogante, Bitetto, Piemonte, Moschion, Marzano. All. Zanolla

Juve Stabia: Mazzetti, Palazzo, De Dura, Regalino, Curcio, Binda, Aiello, Bocchini, Manzo, Vollono, Fuerla. All. Bellini

Marcatori: 40' Bitetto

 

Stagione 1967-68 – Campionato di Serie D - 3ª giornata – 8.10.1967

Matera - Juve Stabia 4-0

Matera: Quadrello, Rosa, Pertile, Demenia, Giannattasio, Mayer, Carella, Chiricallo, Busilacchi, Castelletti, Capuano. All. Salar

Juve Stabia: Criscuolo, Curcetti, Di Somma, Palumbo, Carotenuto, Alagia, Murolo, Vitale, Bua, Giovannini, Musci.

1967-68 matera-juve stabia
Stagione 1967-68: Castelletti, seminascosto sulla destra, infila nell'angolo basso la palla del raddoppio del Matera. Fonte: La Gazzetta del Mezzogiono

Marcatori: 23' Busilacchi, 40' Castelletti, 74' rig. Busilacchi, 82' Capuano

Stagione 1972-73 – Campionato di Serie C - 8ª giornata – 5.11.1972

Matera - Juve Stabia 1-1

Matera: Bertonelli, Baldan, Germinario, Galati, Loprieno, Angelino, Chimenti, Mazzei, Toffanin, Veneranda, Pinton (67' Petrelli). All. Mancinelli

Juve Stabia: Germano, Malagamba, Lusuardi, Malaman, Pierbattista, Olivieri, Morosini, Santosuosso, De Biase, Pastorello, Pirone. All. Di Marzio

Marcatori: 14' rig. Chimenti (M), 56' Olivieri (J)

Stagione 1973-74 – Campionato di Serie C - 22ª giornata – 17.2.1974

Matera - Juve Stabia 1-0

Matera: Troilo, Sollini, Loprieno, Foresti, Mamilovich, Lilla, Stellone, Cataldi, Toffanin, Gambini, Mazzei. All. Veneranda

Juve Stabia: Formisano, Rizza, Agnetti, Martella, Pierbattista (61' Iaccarino), Carrano, Apuzzo, Lusuardi, Angrisani, Toscano, Lavino. All. Chiricallo

Marcatori: 11' Sollini

Stagione 1991-92 – Campionato di Serie C2 - 18ª giornata – 19.1.1992

Matera - Juve Stabia 1-0

Matera: Abrescia, Greco (52' Valastro), Iannella, Presta, Tanzi, Gigliotti, Gardini, Filidoro, Bisci, Caputo (68' Surace), Ferrante. All. Pasquino

Juve Stabia: Fabbri, Gori, Colavitto, Ghedina, Pasquali, Izzo, Baiocco (39' Pizzo), Mari, Casale, Esposito, Onorato (50' Zaccaria). All. Improta

Marcatori: 61' Valastro

Stagione 1992-93 – Campionato di Serie C2 - 29ª giornata – 9.5.1993

Matera - Juve Stabia 0-0

Matera: Bruno, Danza, Iannella, Gigliotti, Tanzi, Pastore, De Solda (60' Leo), De Gregorio, Ianuale, Caputo, Ciullo (46' Pugliese). All. Conticchio

Juve Stabia: Fabbri, Veronici, Colavitto, Monti, Pasquali, Raimondo, Pizzo, Gori, Talevi, Musella (79' Romei), Lunerti (71' Onorato). All. Cucchi

Stagione 1993-94 – Campionato di Serie C1 - 23ª giornata – 5.3.1994

Matera - Juve Stabia 2-1

Matera: Bruno, Italia, Marino, Landonio, Deruggiero, Cicchetti, Callegari (63' Toledo), De Rosa, Bartolelli (68' Bressi), D'Ermilio, Tatti. All. Dibenedetto

Juve Stabia: Fabbri, De Simone, Rivi, Piubelli (53' A. Italia), Veronici, Amodio, Pizzo, Talevi, Celestini (52' Romei), Musella, Lunerti. All. Chiancone

Marcatori: 16' Cicchetti (M), 25' Tatti (M), 58' Lunerti (J)

Stagione 2003-04 – Campionato di Serie D - 2ª giornata – 14.9.2003

Matera - Juve Stabia 1-1

Matera: Buono, Gentile, Zizzariello, Ginobili, Loseto, Fanizzi (77’ Digno), Wangu, Maurelli, Pica (89’ Bellacicco), Marsico, Montano. All. Danza

Juve Stabia: Borrelli, Chiarello, Di Napoli, Rufini, Ruggiero, Mancini, Sibilli, Andreulli, Castaldo (84’ Baratto), Sciarappa, Guarro (70’ De Rosa). All. Raffaele

Marcatori: 74' Di Napoli (J), 85' Marsico (M)