Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

A cura di Fabio Venezia e Nicola Salerno

logo akragasGLI AVVERSARI - L’Akragas riabbraccia la terza serie nazionale dopo 32 lunghissimi anni di attesa, trascorsi prevalentemente sui campi polverosi dei campionati regionali siciliani e della Serie D. Una storia, quella del sodalizio biancoazzurro, costellata di fallimenti, rifondazioni, cambi di denominazione e cocenti delusioni.

Il nuovo corso del calcio agrigentino è di fatto partito nel luglio del 2011 con la nascita dell’A.S.D. Akragas Città dei Templi. Conquistata la promozione in Lega Pro, il presidente Alessi non ha badato a spese ed ha allestito un organico di tutto rispetto che si candida prepotentemente a divenire temibile outsider. In panchina è stato chiamato Nicola Legrottaglie, ex difensore tra le altre di Juventus, Milan e Bari, alla prima vera esperienza da allenatore. I primi impegni ufficiali stagionali in Coppa Italia non hanno dato grosse indicazioni, essendosi più che altro trattati di semplici sgambate. Contro Vigor Lamezia e Paganese, infatti, i Giganti hanno messo a segno complessivamente quindici reti più per inadeguatezza degli avversari che per propri meriti.

Tra i pali il titolare sarà Roberto Maurantonio, 34enne ex bandiera dell’Ascoli. In difesa i terzini Thiago Cazé, brasiliano prelevato dalla Lucchese, Andrea Scrugli, Sergio Sabatini (ex Savoia, Arezzo, Nocerina, Taranto e Trapani), Ciro Capuano, 34 anni nelle ultime stagioni protagonista a Palermo e Catania, ed il centrale Daniele Marino, l’anno scorso a Taranto.

In mezzo al campo occhio a Juan Alberto Mauri, 26 anni di proprietà del Milan, Francesco Salandria, talentuoso mediano nella passata stagione a Reggio Calabria, Vicente, italo brasiliano prelevato dal Parma, Urban Zibert, 23enne sloveno anch’egli a Reggio l’anno scorso, e Sergio Almiron, vera stella dei Giganti agrigentini (226 presenze e 26 gol in A con le maglie di Juventus, Empoli, Fiorentina, Bari, Verona, Udinese e Catania).

In attacco Giuseppe Madonia, il grande ex di turno, è reduce da un infortunio che non gli permetterà di partire dall’inizio contro i suoi vecchi compagni. Completano il reparto Matteo Di Piazza, classe 1988 ex Pro Vercelli, Savoia e Rimini, il giovane Vito Leonetti, prodotto del vivaio del Bari, la seconda punta Mattia Fiore, classe 1996 scuola Lazio, e l’ultimo arrivato Matias Cristaldi, possente centravanti argentino.

I PRECEDENTI - Al XXI Settembre sono due i precedenti di campionato tra le due formazioni. Nel campionato di serie C2 1981-82, con il Matera reduce da due retrocessioni consecutive, l'ultima giornata di andata terminò con un pareggio a reti bianche. Nel campionato di serie C2 1992-93, invece, i padroni di casa si imposero nella prima giornata di ritorno con un perentorio 3-0 siglato dalle reti di Gigliotti, Ferrante su rigore e Ciullo allo scadere; quel campionato si concluse con un terzo posto finale del Matera e successivo ripescaggio in C1.

Clicca qui per guardare il bilancio di tutti i precedenti di campionato tra Matera e Akragas