Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

icona app

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Ischia-Matera 0-5
Reti: 44' pt' Armellino, 8'st Letizia, 20'st Armellino, 41'st Ingrosso, 43'st Piccinni

Ischia: Iuliano, Bruno, Moracci, Patti, Florio, Izzillo (87’ Bargiggia), Palma, Porcino (52’ Manna), Calamai, Armeno (65’ Romano), Kanoute
A disp.: Mirarco, Guarino, Savi, Meduri
All.: Bitetto

Matera: Bifulco, Di Lorenzo, Ingrosso, Piccinni, Tomi (82’ Meola), D’Angelo, Rolando, Iannini, Armellino (78’ Zanchi), Carretta, Letizia (78’ Gammone)
A disp.: Biscarini, De Franco, Zaffagnini, Scognamillo, Regolanti, Dammacco, Pagliarini
All.: Padalino

Arbitro: Volpi della sezione di Arezzo.
Note: Una ventina i tifosi materani presenti al "Mazzella"

Cronaca a cura di Fabio Venezia, fotografie di Nicola Trani

 SC 0225Prestazione sontuosa ed autoritaria del Matera che annienta l'Ischia ed allunga la striscia di risultati positivi. Pasquale Padalino conferma il 4-1-4-1, schierando davanti alla difesa il giovanissimo D'Angelo al posto dello squalificato De Rose; davanti Tony Letizia, supportato lungo le corsie esterne da Mirko Carretta e Gabriele Rolando. Sulla sponda opposta mister Bitetto è in emergenza, soprattutto dalla trequarti in su alla luce delle assenze di Orlando, Mancino e del lungodegente Fall. Avvio di gara non esaltante, da segnalare solo un calcio di punizione da buona posizione di Armellino, che manda alto, ed uno spunto dell'ex Casertana Kanouté che non impensierisce più di tanto Bifulco. Il Matera tiene bene il campo, nonostante un fondo di gioco pessimo, ed inizia a farsi vedere dalle parti dell'ex Potenza Iuliano, senza però trovare la giocata vincente. Ci prova Tomi, che al minuto 24 si avventa su un corner calciato da Letizia e calcia al volo: da applausi l'idea, meno la precisione. Subito dopo è l'ischitano Calamai a chiamare in causa Bifulco ma la sua inzuccata non è un granchè. Ben più insidiose le conclusioni di Izzillo alla mezz'ora, con palla a lato di poco, e di Kanouté che al minuto 40 si libera in area e costringe Bifulco alla deviazione in angolo.

 SC 0232Dopo quattro minuti Letizia viene atterrato al limite, per il signor Volpi di Arezzo è punizione; sulla palla ci va Marco Armellino che disegna una parabola perfetta, sfera nel sette e Matera in vantaggio. Finisce così la prima frazione. La ripresa si apre con una giocata d'alta scuola di Mirko Carretta: l'attaccante biancoazzurro riceve palla lungo l'out di destra, si accentra e lascia partire una conclusione a giro di sinistro che supera Iuliano e si stampa sulla traversa. E' di fatto l'episodio che spacca la gara, quantomeno dal punto di vista psicologico. L'Ischia non c'è più, per il Matera la gara è in discesa ed il raddoppio arriva al 52' con Letizia che, servito da capitan Iannini, beffa un incerto Iuliano con un rasoterra non certo irresistibile. Il 3 a 0 è opera di Armellino, che finalizza al meglio un'azione nata da calcio piazzato.

 SC 0299L'Ischia prova a salvare la faccia e va anche in gol ma l'arbitro non convalida, ravvisando probabilmente l'uscita dal campo della sfera in seguito ad un corner dalla sinistra. Matera che gestisce la gara senza affanni e mister Padalino richiama Armellino, Tomi e Letizia mandando in campo Zanchi, Meola e Gammone. E' proprio il venosino a battere l'angolo che al minuto 86 permette ad Ingrosso di realizzare la quarta rete biancoazzurra, la seconda consecutiva per il difensore salentino in gol anche sabato scorso. Il definitivo 5 a 0 è opera di Piccinni, abile a deviare in acrobazia un corner proveniente dalla destra.

 

 SC 0217

 SC 0219

 SC 0222

 SC 0228

 SC 0260

 SC 0270

 SC 0274

 SC 0280

 SC 0281

 SC 0333

 SC 0336

 SC 0339